“TRA I DUE MARI” … L’ARCHITETTURA SOTTO I PIEDI …

Schermata 2014-04-07 a 10.03.30

Carolina Marconi su: PESCE D’APRILE …

Ufficio Postale di Piazza Bologna PROGETTO TARGHE …

“Un pesce d’aprile talmente fulmineo che nessuno ne ha saputo niente, tanto meno il figlio di Mario Fagiolo, Marcello. Ma come: una targa in onore dei due insigni progettisti, parliamo nientedimenoche di Mario Ridolfi e Mario Fagiolo (“i due Mari”, questo il loro motto per la progettazione) e non si organizza una cerimonia come si deve? Vogliamo poi parlare della minuscola “targa”? Dell’imbarazzo dei pochissimi convenuti? Complimenti agli organizzatori (leggi, tra gli altri: Comune di Roma).”
C.M.

Targa_autore_d0Al via il progetto “Targhe d’Autore”, apposta la prima all’edificio

stefano nicita su: PESCE D’APRILE …

“Io in effetti sono passato dopo l’inserimento della targa e, lo dico con un certo imbarazzo, non l’ho trovata. Dov’è?”

PIAZZA BOLOGNA, CON "TARGHE D'AUTORE" RINASCE STORIA PALAZZO POSTE - FOTO 2Eccola …

pe’ tera …

a impatto zero …

che manco se vede …

Un Arco … “a faciòlo” … tra Gadda e Pasolini …

 NEL NOME DI MARIO DELL’ARCO …

 Il Fagiolo di Gaddaland …

SE … TELEGRAFANDO … da Morse … a Fagiolo-Ridolfi …

IL GRANDE FAGIOLO … DI RIDOLFI …

A FACIOLO … RIDOLFI+FAGIOLO? … FAGIOLO+RIDOLFI? …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

3 risposte a “TRA I DUE MARI” … L’ARCHITETTURA SOTTO I PIEDI …

  1. sergio 43 ha detto:

    VIA DELL’ORSO

    Legata a un filo, arta
    sopra li tetti – e come arubba un’accia (*)
    ar gnommero (**), più arta –
    una stella de carta (***)
    empie er celo de Ponte.
    Ho corso via de Monte
    Brianzo – uno sperduto su la traccia
    d’un filo teso – ho corso
    vicolo der Leùto
    e sbocco finarmente a via dell’Orso.
    Una via stretta, una via scura – appena
    fra tetto e tetto un lume
    de sole – una via sbiega:
    ma fiume è a un passo, e fiume
    entra co una frescura
    de canne smosse e co un frùscio de rena.
    Mia, la casa ar cantone:
    ……………………………….
    ……………………………….
    (*) accia = filo di cotone
    (**) gnommero = nodo, garbuglio
    (***) stella di carta = aquilone

    MARIO (FAGIOLO) DELL’ARCO (1959)

    Niente paura! Vale di più la targa inaugurata nel maggio del 2009 sulla facciata della casa natale dell’architetto e del poeta a via dell’Orso 15. Non c’era nessuno con la fascia tricolore ma un sacco de romani commossi che se ne sono andati cantando “PUPO BIONDO” da lui scritta. Poco prima, nei giardini di Castel Sant’Angelo, con una targa toponomastica, era stato inaugurato “LARGO MARIO DELL’ARCO”. Le arcate del “Passetto di Borgo” diventano un fondale prospettico, una scena “dell’arco” che inquadra la radura dedicata a quello che viene riconosciuto, insieme a Trilussa, il massimo poeta romanesco del Novecento. Il tutto vale una passeggiata a suo ricordo.

  2. Anna Civita ha detto:

    Che tristezza un paese senza memoria, senza gratitudine verso i suoi padri putativi. Stiamo imbarbarendo!

  3. Pingback: Archiwatch

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.