Claudio D’Amato. Un’eredità necessaria

thumbnail_D'Amato 67 bn

Claudio D’Amato è una figura quanto mai complessa, nello stesso tempo molteplice e unitaria. Nutrito di spirito classico, da sempre interessato a un rapporto creativo tra architettura e archeologia, pervaso da meditate intenzioni trattatistiche, si era formato studiando a fondo l’architettura moderna, analizzata nelle sue tematiche e nei suoi protagonisti con uno sguardo storico-critico. In questo contesto ha dedicato anni ai lavori  di Mario Ridolfi, sulla cui opera aveva curato, assieme a Francesco Cellini, un’esauriente pubblicazione dei disegni presenti nell’Accademia Nazionale di San Luca. Dopo aver ricevuto qualche anno addietro il Premio Presidente della Repubblica su segnalazione della stessa Accademia, ne era divenuto successivamente membro. Come architetto l’autore della Facoltà di Agraria nell’Università Mediterranea di Reggio Calabria – un grande edificio acropolico –  aveva una forte attitudine alla speculazione teorica, nella quale una rara chiarezza di pensiero si affiancava a convinzioni nelle quali la profondità delle riflessioni concettuali conviveva con una visione aperta e anticonvenzionale dell’architettura. Alla propensione alla teoria egli sapeva unire una notevole capacità organizzativa, dimostrata nella fondazione della Facoltà di Architettura del Politecnico di Bari, la città in cui era nato, una scuola da lui resa nel corso degli anni un importante avamposto della didattica e della ricerca. Essa ha dato luogo tra l’altro a un Dottorato tra i migliori a livello nazionale e internazionale, il cui esito è stato una fioritura di studi fondamentali su figure e momenti dell’architettura del Novecento. Il suo carattere era deciso, autorevole, a volte autoritario, ma sempre a servizio della missione della sua vita, ovvero l’insegnamento come finalità assoluta, rispetto alla quale subordinare ogni altra scelta. Nel 2018 aveva fatto dono alla Facoltà della sua ricca biblioteca, che ha costituito il nucleo fondativo di quella del Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura. Prima della sua scomparsa, dovuta a una malattia che aveva contrastato per anni con un coraggio ammirevole, continuando ogni giorno, fino all’ultimo, il suo lavoro, aveva appena pubblicato un libro, La scuola di architettura in Italia 1919-2012, che rimarrà come una delle testimonianze più ampie e coerenti della storia dell’insegnamento dell’architettura nel nostro Paese. Si tratta di una straordinaria lezione su come leggere il passato considerandolo traccia vitale di un futuro dell’architettura più adeguata ai nuovi e spesso poco esplorati orizzonti della disciplina. Ai primi di giugno, con una sorprendente forza di volontà, aveva animato il Convegno “Didattica e ricerca” presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nonostante la dedizione costante alla scuola e la sua critica radicale al progettare moderno e contemporaneo basato su una durata relativa del manufatto – un’idea che ricordava l’identificazione che Baudelaire affermava tra modernità ed effimero – Claudio D’Amato non rifiutava il confronto dialettico con altre posizioni. Anche se sosteneva che l’architettura dovesse nascere da una comprensione attiva della sua storia, seguendo la lezione di Paolo Portoghesi, e per questo non amasse le approssimazioni o la mancanza di solide appartenenze a precisi orientamenti, sapeva infatti valutare, approfondire e apprezzare punti di vista diversi, anche quando erano molto lontani dal suo mondo architettonico, costruire in pietra all’insegna di una nuova idea di stereometria. Un’idea che trovava in una assidua sperimentazione digitale risorse in grado di renderla operante, nonché ancora attuale. La mostra da lui concepita per la Biennale di Architettura di Venezia, del 2006, rimane un punto fermo di questo suo appassionato e produttivo impegno didattico e scientifico, un manifesto ideale della sua visione dell’architettura, sostenuta in lui dalla necessità di un costruire più consapevole, in accordo con la natura e i luoghi, alimentato da una tecnica nutrita di umanesimo, priva per questo di quella totalizzazione futurista e di quella mitologia mediatica della tecnologia, divenuta nell’età digitale un fine e non più uno strumento. Chi scrive è convinto che l’eredità culturale di Claudio D’Amato non sarà limitata solo ai ricordi di coloro che lo hanno conosciuto e frequentato, perchè la sua opera, nel suo insieme, sarà nei prossimi anni sempre più necessaria per un miglioramento progressivo dell’abitare.

Franco Purini

Agosto 2019

nella foto: Lo studio di via Adda nel 1967. Da sinistra Mario Spada, Franco Cervellini (in ginocchio), Sergio Petruccioli, Claudio D’Amato, Enzo Cera, Sergio Petrini.

Pubblicato in Architettura | Lascia un commento

WhatsApp Image 2019-08-19 at 18.42.26 (1)

WhatsApp Image 2019-08-19 at 18.42.26

Schizzi di Franco Purini agosto 2019

Pubblicato in Architettura | Lascia un commento

Buon Ferragosto!!!!

disegno purini

grazie Franco per lo schizzo di Ferragosto

Pubblicato in Architettura | Lascia un commento

No al taroccamento del progetto Nervi per il Palazzo dello Sport all’Eur

5d5423822200003100f58bd5

https://www.huffingtonpost.it/entry/no-al-taroccamento-del-progetto-nervi-per-il-palazzo-dello-sport-alleur

Pubblicato in Architettura | Lascia un commento

ciao Dario 10.8.1939

dario 1dario2dario 3

Dario Passi

Pubblicato in Architettura | Lascia un commento

Centro Studi a Radio Roma Capitale #LIVESOCIAL

Pubblicato in Architettura | Lascia un commento

Claudio D’Amato ci ha lasciato (1944-2019)

prova123

Pubblicato in Architettura | 5 commenti

LABORATORIO MODIGLIANA 12-15 settembre 2019

67273852_1442662882532056_454487838625366016_n

67324236_1442678589197152_117899940356685824_n

Pubblicato in Architettura | Lascia un commento

ultimi arrivi

thumbnail_Petreschi

thumbnail_Partenope

thumbnail_Barbera

Pubblicato in Architettura | Lascia un commento

How will we live together? è il tema della Biennale Architettura 2020 a cura di Hashim Sarkis

Hashim-Sarkis-Paolo-Baratta_Photo-by-Jacopo-Salvi-Courtesy-La-Biennale-di-Venezia_10I9086-low-696x464

How will we live together? è il tema della Biennale Architettura 2020 a cura di Hashim Sarkis

Pubblicato in Architettura | Lascia un commento