“Ci spieghi, dunque” …

pantegana1Marisa su “SOMARI” IN CATTEDRA? … NO: IN COMMISSIONE …

“Mi spieghi, prof Muratore, perché dovrebbero esser somari i commissari: perché Ciorra scrive malamente, di getto e da sbruffone oltre 600 giudizi? perché lo dice tal associazione AIAC, composta di sedicenti polemisti senza spessore scientifico a caccia di amicizie e notorietà? perché lo chiedono i pensionati Purini e D’Amato privati, finalmente, del potere di esser loro a decidere cattedre e prebende? ci spieghi, dunque. Grazie”

Abilitazione scientifica nazionale: noi non ci stiamo!

Bar Università

…………….

gent.ma e misteriosa “Marisa” …

si è per caso presa la briga di confrontare …

il curriculum di alcuni “commissari” …

con quello di alcuni “candidati”? …

lo faccia …

è un esercizio assai istruttivo …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura, Archiwatch Archivio. Contrassegna il permalink.

3 risposte a “Ci spieghi, dunque” …

  1. Davide Donati ha detto:

    Francamente non condivido il commento di “Marisa” ma sono altrettanto perplesso di fronte alla lettera di Purini e D’Amato che snocciolano dati, percentuali e proporzioni.
    Ma l’abilitazione non si fa sicuramente dando due abilitazioni là, una qua e tre laggiù! Il loro discorso non sta in piedi!
    Senza contare che ci sono alcuni palesi errori….Come si fa a dire che sono state premiate le scuole? Quali scuole? Forse alcune e non tutte.
    E poi…”la redazione di AION” è stata pluripremiata con almeno 2 collaboratori stabili abilitati!

  2. Pingback: SE VITRUVIO S’INCAZZA … | Archiwatch

  3. Marisa ha detto:

    caro Professore, la storia di molti di costoro è nota ai più: peggio di altri, meglio di molti. La invito io stessa, per approfondire, a considerare i curricola di molti altri candidati commissari, pressoché inconsistenti anche per il ruolo di ricercatori oppure improvvisamente operosi appena ottenuta la cattedra (e i soldi del Miur). Vecchia storia: il male dell’università italiana (non l’unico, ovviamente) sono i concorsi locali dove, per regola non scritta nel 99% dei casi, le terne sanciscono il volere del presidente di commissione o della facoltà. Il solito tribalismo delle cordate del pensiero unico. Lei, da ordinario, sicuramente conosce il caso. Quel che intendo dire è che almeno, questa volta, c’è stata una commissione nazionale, allargata a 5 membri che, grosso modo, hanno rappresentato le “aree” geografiche del paese (ricordiamoci la pletora di corsi e facoltà nate negli ultimi 15 anni…) e le scuole disciplinari più riconosciute. Non si può buttare il bambino con l’acqua sporca solo perché un ex-preside ha favorito i propri scherani o qualche professionista di dubbissima levatura scientifica (e spesso morale) prestato all’università non ha centrato l’abilitazione. É una faccenda tutta romana la prima ipotesi, mentre nella seconda la commissione ha dimostrato di aver saputo leggere, per quanto in fretta, e scrivere nella sostanza, magari non nella forma, quanto andava scritto. Ripeto, poteva andare peggio: non dimentichiamo che gran parte della pubblicistica del settore è autentica fuffa indigeribile.
    I miei rispetti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...