Concorso Palazzo Sturzo …

“Dopo il consumo ottocentesco delle forme storiche, palazzo Sturzo
rappresenta un momento ricco proprio delle sue intime contraddizioni:
organismo che vive dell’ibridazione tra moderno e non moderno nel
tentativo di una loro vicendevole epurazione. Muratori cerca di
dimostrare che i nuovi quesiti relativi ai centri storici possono
essere soddisfatti attraverso una forma di straniamento a più livelli;
indubbiamente un’operazione fortemente intellettualistica. Testimone di
questa difficoltà è stato Ludovico Quaroni che, sottolineando la
propria incomprensione di fronte all’approccio dell’amico di un tempo
ha sostenuto che l’architettura è fatta di cose semplici, richiedenti
spesso un approccio logico tra i più bassi nel campo delle scienze
umane, insomma una spiccata intuitività.”

Luigi Pavan

Da: LP, “L’architettura organica secondo Saverio Muratori” pp. 155-156 in
Carattere Narrazione Variazione” a c. di E. Mantese, Marsilio, Venezia
2005.

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.