Monnezza fiorentina …

Tgtnews.it – Telegiornale della toscana, news video correlate …

Firenze. Pensilina Toraldo di Francia. Abbattuti già 50 metri. 10/08/2010 09:27:00. Dimensione di carattere: Decrease font Enlarge font
http://www.tgtnews.it/index.php/11/Firenze/4333.htmlCopia cache

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Monnezza fiorentina …

  1. sergio bonanni ha detto:

    demolizione finita. la stazione torna a respirare.

    • Pietro Pagliardini ha detto:

      Un’ottima occasione per venire a Firenze. In treno.
      A quando la demolizione della “nuova” piazza Santa Maria Novella?
      Questo Renzi, questo folletto decisionista e avveduto, sfuggito (letteralmente) dal (o al) cilindro del PD, non sembra nemmeno….. fiorentino (non me ne vogliano i cugini). In verità non sembra nemmeno di “questo” PD.
      Pietro

  2. ctonia ha detto:

    Mah. L’opera non mi ha mai entusiasmato, ma neppure fatto schifo come sembrano dire oggi tutti i fiorentini, sindaco Renzi compreso. Non è colpa di Toraldo di Francia se:
    – Firenze è una cittadina molto frequentata, e la Stazione di Michelucci non basta più, è molto piccola per il numero di utenti che la usano e soprattutto è ridottissimo lo spazio esterno destinato o destinabile al traffico veicolare, ai parcheggi, all’arrivo/partenza, al carico/scarico. Proprio in questo spazio ridottissimo venne inserita la pensilina: ma è difficile non ricordare che anche la committenza avrebbe dovuto sapere cosa stava andando a costruire, troppo facile addossare all’architetto responsabilità programmatorie (e anzi quasi divinatorie) che non gli competono del tutto. Mi riferisco al fatto che spettava a Comune e Ferrovie capire che quella pensilina sarebbe andata bene per un flusso viaggiatori enormemente inferiore a quello verificatosi negli anni a venire.
    – avrebbe funzionato benissimo a Vienna, Zurigo, Amsterdam, e forse anche a Treviso o Livigno. A Firenze è stata fisicamente distrutta, vandalizzata, smerdata oscenamente da fiorentini e non, moltissimi dei quali sono sempre in prima linea a protestare perchè in Italia non c’è democrazia, anzi, c’è proprio la dittatura dura. Ricordo che fu un’opera pubblica, cioè di quel popolo in difesa del quale a Firenze sempre si cantano accorate lodi.
    – negli spazi coperti spesso si rifugiavano disperati che ci facevano di tutto: bastava accoglierli, accudirli, essere solidali con loro: è il vangelo fiorentino, come mai non è stato applicato e si è lasciata distruggere un’opera pubblica? Firenze è la città dei cani che si mordono la coda.

    Infine, demoliamo, va bene. Però per favore non si presenti questo cazzotto ad un uomo morto (la pensilina) come una vittoria della civiltà urbana e delle buone pratiche edilizie della città di Firenze.
    saluti
    c

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.