Piazze romane …

Picture 1

più grossa la lapide … che la “piazza” …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Piazze romane …

  1. luca rijtano ha detto:

    la cosa incredibile è che il rotary club dei parioli si vanti con la grossa lapide di aver finanziato uno spartitraffico sterrato, senza manco una pianta, perchè quelle nella foto sono cresciute da sole… solo a questo del resto si riduce l’intervento, non c’è altro oltre a quello che si vede nella foto!

  2. isabella guarini ha detto:

    Mostruosa lapide cimiteriale per arredo urbano! Quando si dice che a caval donato non si guarda in bocca!

  3. Alessandro Berioli ha detto:

    Diciamo pure che la lapide in questione mette un pietra “tombale” sul fare architettura nella capitale… pensate se ogni finanziatore mettesse una lapide su ogni cagata costruita a roma!!!! ahahahahahahah un MEGA CAMPOSANTO!!!!

  4. Giorgio Streuli ha detto:

    …la parte piú geniele è la scritta : “realizzazione di un Isola Verde”…. che tristezza!

  5. isabella guarini ha detto:

    Le bugne a punta di diamante che costituiscono la facciata del Gesù Nuovo di Napoli, hanno dei segni incisi che, probabilmente rappresentano la firma dei maestri che lavorarono, bugna per bugna. In tutte le chiese s’incontrano lapidi per le sepolture, per le donazioni e per gli ex voto. Non per questo fanno perdere di decoro estetico all’insieme, spesso monumentale. Oggigiorno la scatteria è tale da non essere avvertita da chi la spalma per la città, anche in buona fede.

  6. Arem ha detto:

    Meraviglioso post!
    Concordo senza se e senza ma con Alessandro Berioli il quale è causa da mezz’ora di singhiozzo sincopato e lacrime ripetute per il suo commento!

    Arem

  7. Barbara ha detto:

    “realizzazione di un’isola verde”…

    …e che isola VERDE!!!
    Un cimitero??? …no lì almeno ci sarebbero stati i fiori!!!
    Che assurdità!!!!!

  8. RondoneR ha detto:

    …ma gli alberi… proprio sono impossibili da piantare?

  9. Davide Cavinato ha detto:

    Non c’entra nulla, ma mi pare ugualmente significativo. E comunque sempre di Roma si parla, per cui…ieri sera speciale m2 su RaiDue, ospite il pubblicizzatissimo Massimiliano Fuksas (veramente sulla rai c’era uno spot ogni venti minuti per reclamizzare l’evento). Orario improponibile come spesso succede, però puntata interessante, perché comunque si parla di architettura, perché si è entrati nel suo studio e si è messo a nudo il suo modo di lavorare. Niente invettive contro Fuksas, che personalmente io come progettista apprezzo per lo meno per la gran parte delle sue opere (a parte il tradimento della Biennale da lui diretta, “Less Aesthethics More PATEthics”), però è necessaria una riflessione, per riprendere il tema del “parlar bene o parlar male”. E la riflessione è che, per quanto si sia parlato di architettura in tv, e quindi è un bene, bisogna sottolineare il fatto che anche stavolta più che una trasmissione sull’architettura si è trattato di una “agiografia” bella e buona di un personaggio vicinissimo all’amministrazione capitolina (che non ha mancato di elogiare a più riprese), e che quindi, nel periodo storico e politico contingente, suona quanto mai strumentale e anche un po’ fuori luogo, visti gli accadimenti recenti. Sarà solo una mia impressione, ma si sa che a pensar male si commette peccato ma ci si sbaglia raramente. Per cui va benissimo, ripeto, una trasmissione di questo tipo, sarebbe meglio però se la nuovelle vague dell’architettura in tv servisse in qualche maniera più all’accrescimento culturale medio che all’incensazione più o meno spudorata di questo o di quello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.