C’E’ SEMPRE DA IMPARARE … DAI MURATORI PIU’ ATTEMPATI …

Salvatore Gigennaro commented on UN MATTONE VERTIGINOSO …

“Un architettura sincera, con poche chiacchiere o finzioni…come fosse creata solo da abili maestranze che sanno già quello che si deve fare.
A proposito…sui miei (rari) lavori, provo spesso ammirazione e invidia proprio per le maestranze come gli elettricisti, gli idraulici, oltre che i muratori più attempati, per la conoscenza del loro lavoro, svolto senza esitazioni, con metodo…mentre mi capita di avere tanti dubbi su quello che sto facendo.”

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

4 risposte a C’E’ SEMPRE DA IMPARARE … DAI MURATORI PIU’ ATTEMPATI …

  1. sergio 43 ha detto:

    Verissimo, Gennaro! Una delle soddisfazioni maggiori, specialmente nei lavori più di dettaglio, era imparare il valore semantico della materia da chi, vecchi ebanisti, muratori, stuccatori, idraulici, pittori, ne aveva assorbito, con i polpastrelli, la carne e le ossa, duttilità, peso e tenerezza. Era un piacere starli a sentire ed imparare. Però era pure di grande soddisfazione quando tu, giovane architetto, gli dimostravi, prima con loro sorpresa e poi con altrettanta loro soddisfazione, che si potevano inventare e realizzare insieme, con la stessa cura e attenzione, cose nuove. Lo sguardo di comprensione e accettazione della nuova e inusitata proposta valeva più di un bel trenta ad un esame. Solo dopo sentivi che ti chiamavano architetto non più con un tono di sottesa sufficienza ma di riconoscimento di essere uno dei loro. Una volta fui costretto a farmi accompagnare dalla mia primogenita di pochi anni in un laboratorio artigiano. Il disegno era complesso e allora era un susseguirsi di richiami: ” Archite’, e qui che famo? Architè, qui nun se po’ fa! Nun è d’accordo? Ah, dice de fa così?”. Quando uscimmo la piccolina mi chiese perplessa: “Papà, ma perchè ti chiamano, Orchide’, Orchide’”. Adesso che anche lei, non più ragazzina, fa con la fatica di questi tempi grami, l’architetto, la soddisfazione più grande me l’hanno data l’impresario e gli operai della ditta edile di cui si serve, tutti rumeni e molto bravi, che mi hanno espresso la loro ammirazione per la sua serietà e preparazione (oramai i miei vecchi amici di allora che parlavano romanesco, pugliese, marchigiano, ciocaro, sono o in pensione come me o i più vecchi, come dicevano, “a fa’ tera pe li ceci!”. Noi marchigiani diciamo, “andare a contare le palline!” che sarebbero le piccole pigne dei cipressi).

  2. salvatore digennaro ha detto:

    Grazie ai potenti mezzi della rete, scopro che questo è un edificio industriale per una cooperativa di produttori di olio.
    Praticamente un “capannone industriale”…con i fiocchi.
    Quella bella archeologia industriale di una volta, chissà se tra 70-100 anni si apprezzeranno i prefabbricati di oggi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.