DAMARIOATORPIGNATTARA …

“Ma er Papa l’avrebbe collocata una statua così ne li Giardini?” – dicevamo l’artro giorno ar bar de Torpignattara, oziando davanti a un bitter e sfojanno er giornale (Mario er barista ‘na vorta , commosso perchè avevamo saldato  tutti insieme il conto de du’ mesi, aveva chiesto ar cuggino de la moje, che lavorava come magazziniere in Vaticano, de portacce a fa’ ‘na visita ne la Città Proibbita, anche per tojese davanti quer gruppo de scanzafatiche che occupava da sempre e tutto er giorno ‘romiglior tavolino d’angolo. Saputo che la visita era aggratis se decidemmo a leva’ le ancore e ancora ne parlamo come de quella vorta che mannammo ggiù ‘na coppa de Prosecco a Via Veneto. “Il fatto é che nun ce so’ più l’architetti de ‘na vorta!”. “Manco loro, ma qui parlamo de scurtori – risponneva Peppe, tutto sussiegoso pe’ la dimostrazione de curtura, co’ le mani ancora unte dell’olio der motore che stava a rimettenne ar monno in officina. Nun pe’ gnente era l’unico che aveva finito la
Quinta! Però pure noi, a forza de scrocca’ er Messaggero da Mario, quarcosa avevamo ‘mparato. “Figurete che t’avrebbe fatto Manzù!”. “E pperchè – aggiungeva Amircare, ner suo elegante abito de lino bianco, un pò ‘mpataccato de macchie perchè la moje l’aveva lassato pe’ ‘n magrebbino ‘nfedele – Greco che t’ha fatto, pace all’anima loro?”. “Nun parlamo poi de Messina! Sarà ‘n pò troppo figuratico ma a me me fa sbava’ – interveniva Otello asciugandosi il mento (da quanno je s’era spezzata la dentiera non c’aveva più una lira per rifarsela), “A rega’ – interrompeva Righetto che di tutti era il più colto e che, quando cominciava a parlare, lasciava tutti muti davanti alla scienza carcistica che sciorinava – Mò m’avete rotto li zebbedei! Ma chi so’ ‘sti figuri? Ma parlamo de cose serie! Pe’ mme ‘sto Luis Enriche, me sta simpatico solo perchè se chiama come a mme. Pe’ ‘r’ resto ancora nun ha capito dove deve da mette Totti! Ma che nun se capisce? Totti davanti a tutti!” Buttammo
via er giornale e cominciammo a compità e a disegna’ schemi sulla tovaja der tavolo, cosa che faveva ‘mbufali’ Mario er barista. Ma a chi je fregava? Quer tavolino pe’ nnoi era diventato più ‘mportante e ‘mpegnativo de ‘r tavolo de Brusselle!”

Sergio43

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

Una risposta a DAMARIOATORPIGNATTARA …

  1. aldofree ha detto:

    GRANDE!!! La statua di Giovanni Paolo l’ho vista e non mi ha convinto pe gnente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.