Inquinamento, targhe alterne e blocco del traffico … ma è proprio tutto vero? …

DIVIETO_CIRCOLAZIONEInquinamento, targhe alterne e blocco del traffico … ma è proprio tutto vero?
di
Ettore Maria Mazzola

Ne sentivamo proprio la mancanza e così, con l’avvicinarsi del Natale, ecco rispuntare dal cilindro magico del Comune di Roma delle demagogiche misure di sicurezza antismog: ecco che, dopo una domenica a piedi nonostante le condizioni atmosferiche favorevoli all’abbattimento delle polveri sottili, a pochi giorni di distanza spuntano anche le targhe alterne.

Per come la cosa è stata orchestrata, diviene legittimo sospettare che la chiusura del bilancio annuale possa avere qualcosa a che fare con questa “attenzione all’ambiente”.

Il blocco questa volta parte alle 7,30 di mattina, impedendo così ai genitori di poter portare i propri figli a scuola prima di recarsi al lavoro. Il sospetto si rafforza quando si viene a notare che nel pomeriggio il blocco riparta alle 16,30, ovvero quando la maggioranza delle scuole elementari e medie dà la libera uscita ai propri alunni i quali, si suppone, dovrebbero trovare i propri genitori ad attenderli per riportarli a casa!

Viene quindi naturale pensare che ci sia dell’intenzionalità nello strutturare questo blocco, peraltro molto poco pubblicizzato, per fare in modo che molti romani si becchino una multa tanto utile alle esangui casse comunali! Una multa che potrebbe definirsi “mors tua vita mea”.

Voglio fugare ogni dubbio e chiarire subito che, personalmente, sono un accanito sostenitore delle campagne anti-auto, se fosse per me getterei le chiavi della mia macchina e userei esclusivamente i mezzi pubblici per muovermi in città, mi farei perfino promotore, come ho sostenuto più volte, di una supertassa (sul genere di quella londinese) per chi voglia utilizzare l’auto privata per spostarsi in centro … ma solo ed esclusivamente se i nostri signori politici mettessero i cittadini nelle condizioni di potersi muovere facilmente usando i mezzi pubblici come avviene nel resto del mondo civilizzato!

E invece, già dalla giunta Alemanno, gli autobus romani sono stati diminuiti del 30% se non di più – personalmente mi capita regolarmente di attendere la linea 44 anche per 40 minuti! – mentre il biglietto è stato aumentato del 50% e le tessere mensili sono state portate da 30 a 35 Euro, cancellando inoltre quelle ridotte per gli studenti! Una vera vergogna. A questo dovremmo aggiungere il sospetto che possa esserci dell’intenzionalità anche nella difficoltà di acquisto dei biglietti … tabaccai e giornalai sono sempre più sprovvisti, a fronte dell’aumento dei controllori a bordo dei mezzi circolanti!

Chissà perché sembra esserci qualche “piccola” contraddizione tra le misure per disincentivare l’uso degli autoveicoli privati e quelle per incentivare l’uso dei mezzi pubblici.

Se i nostri amministratori fossero più onesti e tenessero realmente a cuore la salute dei propri cittadini, almeno in queste giornate dovrebbero moltiplicare gli autobus, cosa che regolarmente non accade, e la cosa non fa che incrementare la distanza tra chi faccia politica e i comuni mortali.

Anche per questo non posso che definirmi disgustato da questo genere di campagne ecologiche pianificate per fregare soldi ai già tartassati cittadini.

A tal proposito gradirei ricordare ai nostri finti ecologisti, che è stato ampiamente dimostrato come le auto a benzina e gasolio di ultima generazione risultino molto più inquinanti e pericolose di quelle vecchie (per brevità rimando a questo mio vecchio post http://www.de-architectura.com/2011/12/blocco-del-traffico.html).

Sarebbe bello che i nostri politici finti-ecologisti si interrogassero sulle conseguenze ambientali delle politiche di sviluppo delle città, piuttosto che piangersi addosso come  coccodrilli quando è ormai troppo tardi.

Essi farebbero bene a farsi un esame di coscienza guardando alle contraddizioni del proprio operato, iniziando dalla contraddizione tra l’approvazione – nell’interesse degli speculatori/sponsors di campagne elettorali – di progetti che condannano la gente all’uso dell’automobile (p.es. centri commerciali e outlet e città zonizzata), e la veste dell’ecologista amante della bicicletta che però se ne frega dei cittadini ai quali è stato imposto di vivere in realtà urbane che li rendono schiavi dell’autotrazione!

Alla luce dell’evidenza di questa orribile realtà, c’è da chiedersi perché dovremmo continuare accettare il blocco del traffico e le giornate a targhe alterne che ci vengono imposte? Perché dovremmo accettare queste misure il cui unico scopo è di incentivare la vendita di auto Euro “n” (il numero cambia sempre per obbligare ad acquistare l’ultima Euro che ci consente di circolare)?

Un sindaco realmente interessato all’ambiente e ai suoi cittadini, una volta resosi conto di come stiano realmente le cose in materia di auto inquinanti e di inconsistenza dei trasporti pubblici, dovrebbe sospendere le misure prese e, semmai, imporre il solo blocco delle auto di nuova generazione! … Ma ciò non avverrà mai, a meno che non ci si voglia suicidare politicamente, o “farsi suicidare” in circostanze misteriose!

Per il momento agli esangui italiani basterebbe smetterla con queste prese per i fondelli.

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Inquinamento, targhe alterne e blocco del traffico … ma è proprio tutto vero? …

  1. ettore maria mazzola ha detto:

    grazie

  2. Anna Civita ha detto:

    Sicuramente ci sono metodi più efficaci ed educativi del blocco del traffico, ma significherebbe spremersi poco poco le meningi e allora si continua a fare quello che tutti sanno e saprebbero fare. Purtroppo poi tutti si adeguano anche a quello anche gli architetti genitor che si ricordano del traffico e delle polveri sottili solo quado devono lasciare la macchina a casa o quando non sanno come e a che ora recuperare il pargolo ma mai quando disegnano case, città, condomini e il verde!! Che ognuno si prendi la sua fetta di responsabilità mi sembra un buon punto di ripartenza.

  3. sergio de santis ha detto:

    Grazie …
    sembra facile …
    e mica lo so se t’ha fatto un piacere …

    … a Ettore …
    tu non ci crederai …
    ma io me so’ innamorato …

    e mi sono innanzitutto chiesto… che fare di fronte ad un argomento così … succoso?
    Ho cercato e ricercato dentro di me mille motivi per non intervenire e ne ho trovati 999!!!!
    … però … ahimè … ne ho trovato anche uno per intervenire …
    Ma uno è poco ! … direte voi! …
    In realtà a volte uno basta e avanza …
    Ora , a onor del vero, devo dire che io sono d’accordo con quasi tutto quello che asserisce il Ettore ma purtroppo su un fatto in particolare non mi trovo … non sò … ma magari pure per mia mancanza particolare …
    voglio dire …
    mi espongo …
    rischiandomela …
    I trascorsi più recenti non ancora esauritisi … mi sto preparando – come diceva il Galassi di me – con le bombe a mano … come il piccolo Orville … perchè tanto mi sa che a Mazzola solo quelle lo fermano…
    dicevo …i trascorsi più recenti … secondo i quali sarei un “peracottaro”, o almeno rischierei di esserlo, mi impongono di confrontarmi ancora sul tema della lucida lettura delle “dinamiche” e dei “dati” … un argomento … questo … che è esattamente lo stesso sul quale siamo scivolati in uno dei Post precedenti … poi si intromesso quel deficiente di Falso Cascioli …che mi ha sparato, quando sarò carta, un poco di cacca di Gatto … e mi sono distratto … ma ci sta …
    Ma mi sono distratto così tanto che non ho potuto nemmeno rispondere ai Signori Ctonia, che gia il nome mi mette in uno stato di agitazione …
    Che però … devo dire la verità … ‘sti Ctonia se pronunciano poco … ma quando se pronunciano so’ impegnativi … tanto è che per approfondire bene il tema da loro proposto, rispondendo per altro molto gentilmente alla mia richiesta , sto ancora a studià’ … e non so nemmeno con quali risultati … perche ho perso l’efficacia … ero un bravo studente un sacco de anni fà … però adesso spesso faccio cilecca … me ricordo poco … nu’ lo so! … me succede quarcosa …
    ecco … non ho continuato a studiare abbastanza …
    succede … succede …
    ma che ne so … a un certo punto il lavoro m’ha rapito … e dev’esse’ … pure mezzo rincojonito …
    almeno stando a quanto si evince dalle critiche nei miei confronti vomitate da Ettore e Galassi che, sotto sotto, me sa che qualche patto di non belligeranza l’hanno fatto e magari me se vonno pure spolpà!
    Boh!? … deve essere stato un lavorare di basso livello …
    Comunque … sparamo ‘sta polpetta de guano … che poi in tema de pioggia ce sta pure bene …
    Piovono Polpette …
    Che poi la questione è semplice … e se fosse farebbe cadè tutta la teoria de la giornata diabolicamente pianificata…
    aoh! … famose a capì … io in questo caso sono sostanzialmente … dico SOSTANZIALMENTE dalla parte di Ettore … però sta cosa del “ecco che, dopo una domenica a piedi nonostante le condizioni atmosferiche favorevoli all’abbattimento delle polveri sottili (…)” proprio non me convince … ma non me convince tecnicamente …
    Mettiamola così:
    Domenica 8 è stata a Roma una giornata accettabile … ma in verità anche sabato 7 … al massimo qualche goccia … poca roba … freddo … ma niente vento … situazione tutto sommato ne favorevole ne sfavorevole all’innalzamento delle polveri … sappiamo che ste benedette si alzano quando c”è bel tempo e che vento e piogge forti le sbattono via o le abbattono a terra … insomma o se le respirano l’altri o se le magnano le formiche o te le porti a casa sotto le suole … poi domenica sera si è avvicinato l’ANTICICLONE … e pure er sole bello come er sole … che pure stamattina me guardava sorridente da ‘sta finestra che c’ho proprio de fronte all’alba e che la mattina famo la gara pe’ chi fa prima ad aprilla …
    Insomma quest’ANTICICLONE che resisterà fino al 20 dicembre s’è piazzato lì e per 10 giorni nun schioda …
    Vabbe che questi so tutti dei lestofanti … per carità! … proprio come dice Ettore … E PER TUTTI I MOTIVI CHE HA DESCRITTO … però se ‘st’ANTICICLONE nun se ne va … e questo significherebbe polveri sottili per i prossimi 10 giorni … ma allora quando le dovrebbe fermà er sindaco ‘ste macchine? … Aoh! … capimose bene … io non ho votato Marino e manco me piace … però la logica dev’esse’ logica …
    insomma stavo a di …
    ma quando le ferma ‘ste autovetture?
    … er 21 dicembre?
    … quando ricomincia a piove e i romani impazziscono perchè allora nun c’hanno la machina per andare a fare “i Regali di Natale?
    … no … non funziona … dal 21 in poi piove … almeno dovrebbe … e quindi le polveri se le porta via la pioggia …
    il 21 piove e ai romani je serve la macchina perchè sti cacchio de mezzi pubblici scarseggiano …
    e se pure non dovesse esse così … qualora nun piovesse … la cura gliel’avemo fatta prima … nell’unico momento in cui se poteva fa e sempre se veramente ce ne era bisogno …
    perchè poi è un dato di lettura atmosferica der quale noi nun sappiamo mai niente in maniera trasparente …
    e si …
    noi non sappiamo niente ….

    !!!! a Ettoreeeee …
    ti voglio bene ….

    • ettore maria mazzola ha detto:

      Caro Sergio,
      le macchine andrebbero fermate ogni qual volta ce ne siano le giuste condizioni (trasporto pubblico funzionante come in tutti i paesi civili).
      Come ho detto, se fosse per me mi muoverei come faccio quando vado a Parigi e Londra, ovvero solo ed esclusivamente con i mezzi pubblici!
      In ogni modo, come ho detto, se proprio si vogliono fare le “giornate a piedi” e istituire le “targhe alterne”, le macchine da fermare dovrebbero essere quelle più pericolose che, da quanto abbiamo avuto modo di vedere nel servizio de “Le Iene” (ti rimando al mio vecchio post richiamato nell’articolo e al link al suo interno), sono quelle di ultima generazione!

  4. Manuela Marchesi ha detto:

    Sottoscrivo con tutto il cuore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.