Beati i puri di cuore, perché vedranno dio … Post01 …

«La storia dell’architettura si occupa quasi senza eccezioni
dell’architettura stilistica, cioè di quella forma d’arte edilizia
ritenuta meritevole di attenzione per il suo valore intenzionalmente
estetico e palesemente orientato a forme decorative. Nella storia dell’
architettura noi studiamo generalmente la storia del gusto
architettonico attraverso le forme auliche adottate dalle costruzioni
maggiori: i templi, le chiese, i palazzi. Quali ragioni tecniche, quali
rapporti di tradizione formale e quali influenze di carattere economico
e funzionale abbiano originato queste manifestazioni non interessano
per lo più ne il mondo degli studiosi né quello degli artisti.

Nell’esame dell’ architettura stilistica ci interessa enormemente il
«come» ma non il «perché». Accettiamo il fatto compiuto ed analizziamo
la creazione del genio come una manifestazione del gusto, come una
libera espressione dello spirito al di fuori di ogni rapporto con le
ragioni pratiche del fenomeno costruttivo. Per il fatto che l’interesse
critico degli studiosi di architettura rivolge la propria attenzione
soltanto alla massima conclusione edilizia dei diversi periodi non
possiamo ne vogliamo collegare queste conclusioni con quelle premesse
puramente utilitarie, ed inizialmente costituite da esclusivi
superamenti del fatto strutturale, economico, funzionale.»

Giuseppe Pagano Pogatschnig

Per la serie la biblioteca che non ho ma che provo a costruire
Muratore permettendo, un altro libro che da tanti anni aspetto ritorni
negli scaffali delle librerie, ma ristampe del genere pare non attirino
troppo gli architetti, è questo libretto di Giuseppe Pagano in cui si
tenta di dare fondamento al moderno non su teorie pittoriche o
espressioni dei sentimenti ma su una testimonianza della tradizione non
romantica (ma chi può essere non romantico fino in fondo?).

L’arido funzionalismo, il freddo razionalismo, l’avaro minimalismo
ricondotti ad una loro possibile origine nell’architettura rurale, all’
essenzialità del fare solo il necessario, farlo bene e concedendo l’
indispensabile ad un immagine architettonica degna di questo nome,
ovvero la triade vitruviana di utilitas, firmitas e venustas
riecheggiata, più o meno esplicitamente, da Pagano stesso a inizio di
discorso.

Parto quindi, dopo Asplund – che non interrompo (prevedevo un  post
per ogni sua architettura ma, ahimé, dopo sette paragrafi fatico solo a
entrare nella meravigliosa Villa Stennäs!) – e semino tra queste pagine
, per insofferenza della vita e delle cose d’architettura che vedo,
anche un’edizione critica di questo testo nella misura delle mie
modestissime capacità.
Visiterò il libro come fosse un edificio. Se qualcuno rivendicasse
diritti di sorta (non sappiamo a chi chiedere) si faccia vivo che
cancelliamo immediatamente tutti i post da questo blog. Comunque si
rassicuri che, anche se soldi non ce ne sono, qui nessuno ha fini di
lucro e non pubblicheremo nella sua integrità il libro ma smontato a
pezzi che è pure meglio (e fosse mai che a qualche editore non venga
voglia di ristamparlo davvero).

Giancarlo Galassi :G

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Beati i puri di cuore, perché vedranno dio … Post01 …

  1. Michele Granata ha detto:

    Pienamente d’accordo
    Anche Libera e De Renzi nei loro discorsi facevano spesso riferimento all’Architettura rurale

  2. Hai ragione Michele, tutti hanno guardato all’architettura rurale
    come l’altra faccia degli Apollodori di turno
    cui dedicare:

    Io tarscino negli occhi
    dei torrenti di acqua chiara
    dove io berrò..
    io cerco boschi per me
    e vallate col sole
    più caldo di te…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.