Come è brutta la città …

Dopo le note esternazioni in sede UIA il ministro-poeta in versione Versiliana, stando alle agenzie, “ha lodato il patrimonio artistico, culturale e architettonico dell’Italia (bontà Sua, n.d.r.), ma ha criticato l’architettura contemporanea (effetto Elkann, n.d.r.).”Le nostre citta’ sono belle – ha detto il ministro – ma quello che e’ stato costruito negli ultimi decenni non e’ altrettanto bello. Bisogna sostenere e promuovere l’arte e l’architettura contemporanea, lasciare un segno alle generazioni future. Per questo nei prossimi mesi faro’ una legge sull’architettura di qualita’ per favorire e promuovere, attraverso progetti-concorso, i giovani architetti”.

Ci pare di aver ascoltato tante altre volte simili invocazioni …
e sarà poi così vera l’equazione:
paesaggio di merda – cattiva architettura / qualità – concorsi, giovani, etc.? …
abbiamo la sensazione che ci sia più di qualche cosa che non quadra e che le leggi sull’architettura siano solo un passatempo per politici decotti in cerca di gloria e consenso a buon mercato …

intanto, dopo il chiaccheratissimo articolo di Settis sul Sole24 di qualche giorno fa, leggiamo oggi che:
“Il Ministro per i beni e le attività culturali, Sen. Sandro Bondi, ha incontrato oggi il Prof. Salvatore Settis. Nel corso del cordiale colloquio il Ministro ha rinnovato la sua stima al Prof. Settis, cui ha chiesto di proseguire nella sua opera in favore della tutela del patrimonio culturale nazionale e del paesaggio italiano in qualità di Presidente del consiglio superiore dei beni culturali. D’altronde il Ministro ha ribadito, durante il colloquio, come mai tale giudizio sia stato da lui, in nessuna sede, modificato e come egli non abbia mai messo in dubbio la legittimità di esprimere liberamente le proprie opinioni per il Presidente del consiglio superiore.
Il Ministro ha confermato al Prof. Settis come egli concordi sulla urgente necessità di intraprendere un cammino comune per limitare il più possibile il temuto ridimensionamento delle risorse a favore dei beni culturali, anche avviando tutte le azioni possibili per attrarre nuove risorse da parte dei privati, ma pur sempre in un’ottica di risparmi complessivi che vedono impegnate tutte le amministrazioni pubbliche del Paese. Inoltre, il Ministro ha sottolineato come il tavolo di confronto con le Regioni sia, a Costituzione vigente, il modo migliore per la più efficace tutela e valorizzazione dei beni culturali, fermi restando i principi irrinunciabili dettati dall’art. 9 della carta costituzionale italiana.
Il Prof. Settis si è congedato manifestando la propria disponibilità a collaborare e a continuare quindi a presiedere l’organo consultivo del ministero. Il Ministro e il Prof. Settis si sono pertanto dati appuntamento per il 16 luglio prossimo, giorno in cui il consiglio superiore dei beni culturali si riunirà per la prima volta dall’insediamento del nuovo Governo, occasione propizia per un chiarimento su tali temi …”

Staremo a vedere …
ma le preoccupazioni di Settis sulla reale tenuta futura del MIBAC restano condivisibili in tutta la loro gravità … anche se è altrettanto vero che la barocca confusione burocratico-istituzionale che ha animato lo stesso ministero negli ultimi anni, la dice lunga sulla sua già, più che concreta, ineffettualità …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Come è brutta la città …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.