MISONEISMO? …

“Se qualcuno si sentisse offeso dal termine misoneismo (lasciamo perdere xenofobo che è troppo di moda) si legga questa definizione data dal troppo vituperato Cesare Lombroso, trovata in rete ovviamente:

L’«anomalia organica» presente nei pazzi, nei degenerati e nei delinquenti,
preparava dunque «il terreno al minore misoneismo, che è il carattere normale dell’uomo
onesto normale», rendendo tale deficienza un vantaggio per la società. Facilitati quindi
dalla disfunzione organica a vedere il nuovo, e quindi ad essere in un certo senso profeti
di una verità a venire, i deviati di ogni specie «vedono, forse ispirati dalla passione, i
difetti dei Governi» che insieme «all’impulsività e al bisogno del male» li spinge «in prima
linea nelle ribellioni». Una volta dunque stabilita la causa organica che definirebbe i pazzi
e i criminali, essi cominciavano ad apparire non solo come prossimi al genio, ma più
originalmente assumevano una valorizzazione moralistica piuttosto che intellettualistica,
che consisteva nell’essere dotati di eccezionali capacità di diagnosi sui «difetti dei
Governi», di odio verso lo «stato presente», e dunque di slancio ideale che li rendeva
«più inclini all’azione» innovatrice e rivoluzionaria.

Dunque il “minore misoneismo” non solo sarebbe un segno di normalità ma avrebbe in sé un germe rivoluzionario che spinge al cambiamento.
Tutto si confonde, come si può osservare, ma alla fine resta la realtà: un distributore di benzina fuori scala che accoglie l’Ara Pacis.
Saluti”
Pietro

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

4 risposte a MISONEISMO? …

  1. biz ha detto:

    E no Pietro: il mai abbastanza vituperato Lombroso!

  2. Pietro Pagliardini ha detto:

    Vedi biz, non voglio certo riabilitarlo perché tra l’altro non ne avrei la minima competenza a farlo, però, però, c’è un però: a livello generale e senza alcuna evidenza né pretesa scientifica né di verità assoluta non potrai negare che l’immagine di una persona, il suo volto, lo sguardo, l’atteggiarsi e quant’altro sono elementi che determinano nei fatti, e spesso sbagliando, un giudizio sulla persona che ti sta di fronte.
    E segnalo che in certi giornali, in rete, su facebook, questa tecnica è utilizzata moltissimo non come satira ma come forma di giudizio definitivo sulla persona e sui suoi comportamenti. Ti porto qualche esempio: Scilipoti è sbeffeggiato per il suo aspetto alla Denny De Vito, Brunetta per la sua altezza ma anche per il suo sguardo, Previti aveva la faccia del colpevole perfetto, Ferrara per le sue dimensioni, di Berlusconi inutile dire qualcosa. Potrei continuare fino a stasera. Per par condicio direi che D’Alema c’ha la faccia da furbino (colpa dei baffetti?), Veltroni c’ha la faccia da Veltroni, Tonino c’ha quella del contadino, Renzi da ragazzo che vorresti come genero (furbino anche lui, ma furbino buono), Zagrebelsky…..non lo vorrei come nemico (ma nemmeno come amico).
    Luoghi comuni, certo, ma insomma, quel pezzo mi sembrava proprio divertente
    Ciao
    Pietro

    • biz ha detto:

      certo. Ma un conto è quell’insieme di elementi che compongono la persona (hai citato sguardo, portamento, modi di parlare, cose più di anima che di corpo) un altro conto è pretendere, come faceva Lombroso, di ricavare dalla conformazione materiale del corpo dei delinquenti (inclusi anche gli oppositori politici, peraltro) la causa del comportamento criminale. Una roba agghiacciante, che nulla ha che vedere con quello che dici. Comunque è vero, il pezzo è divertente e anche a me gli studi di Lombroso affascinano (a Torino è sita ed è visitabile la collezione dei suoi pezzi, merita d’essere vista … se vieni a Torino andiamo insieme, oltre a vedere magari un po’ di cose nuove d’architettura)

    • salvatore digennaro ha detto:

      Scilipoti penso sia stato sbeffeggiato per altro (questioni politiche più importanti) e non per la somiglianza a De Vito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.