LAPALAZZACORBUCIO …

più Moretti di Moretti al posto di Moretti …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

6 risposte a LAPALAZZACORBUCIO …

  1. pasquale cerullo ha detto:

    Secondo me, nella genesi creativa, è nato prima il bucio e poi tutta la palazzina per crescita omogenea.

  2. sergio43 ha detto:

    Nel bucio di quel palazzo passava un bel cipresso che aveva le radici contenute, due piani sotto, in un, chiamiamolo così, bicchiere che adesso, vuoto, spunta dal marciapiede. Dopo un pò, o per mancata manutenzione o per malattia o per cattiva progettazione (questa mi pare meno possibile), il cipresso si seccò e venne tolto lasciando il bucio. Mi son sempre chiesto, fermo al semaforo dell’incrocio Via Chiana-Via Salaria, per quale ragione, in tanti anni, quell’elegante condominio non abbia mai trovato la voglia di piantare un altro cupressus sempervirens e abbia preferito lasciare vuoto il bucio. A proposito di cipressi in città, ieri sono andato a visitare di nuovo Palazzo Barberini e, come ogni volta, ho goduto come un pazzo: Bernini di qua, Borromini di là, Raffaello, Caravaggio, Pietro da Cortona e via sbavando. Per riposarmi di tante meraviglie, mi sono appoggiato al davanzale della Loggia verso Via Quattro Fontane. Di fronte a me, sull’altro lato della via, c’era un meraviglioso attico. Tra tanto verde e a tale altezza spiccava un maestoso cipresso in evidente buona salute. Mi son posto, passata l’invidia, due domande: in quale razza di contenitore poteva essere stato piantato il cipresso e quali accidenti di rinforzi erano stati predisposti sul terrazzo per reggerne il peso?

  3. salvatore digennaro ha detto:

    Però questo cupressus sempervirens nel bucio…non saprei…
    è meglio il bucio con o senza cupressus?
    o è meglio solo il cupressus?
    Forse sarebbe stato più saggio non costruire il palazzo.

  4. sergio43 ha detto:

    Come diceva Hemingway nel titolo di un suo racconto: “Breve la vita felice di Francis Macomber”! Così, altrettanto breve, é la vita felice di un architetto. Forse dopo un esame difficile superato brillantemente, forse quando, in una Sessione di Laurea, un signore, stringendoti la mano, ti nomina architetto

  5. sergio43 ha detto:

    poi, dopo, so’ cazzi! e ti viene da pensare che forse sarebbe stato più saggio rimanere ad abitare una caverna, litigandone eventualmente la proprietà con qualche Ursus arctos horribilis!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.