ITALIATURRITA …

da Cesenatico … a Gallipoli …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

9 risposte a ITALIATURRITA …

  1. salvatore digennaro ha detto:

    …quello gallipolino è un omicidio al contesto…

  2. ctonia ha detto:

    No Pietro, ma il caso della città di D’Alema che dice Salvatore è davvero drammatico, se ti capita dagli uno sguardo!
    ciao
    c

  3. salvatore digennaro ha detto:

    Giusta osservazione sig. Pagliardini!
    Solo che quello di Gallipoli mi capita spesso di vederlo da vicino e purtroppo anche da lontano.

    • Pietro Pagliardini ha detto:

      Capisco, una cosa è la teoria, altra è la pratica: io sempre in fotografia li vedo (per ora), voi uno ve lo ciucciate dal vero. Avete la mia umana comprensione.
      Ma tra poco pareggeremo i conti e allora vedrete che anche qui, in quel di Arezzo, abbiamo i nostri crucci.
      A presto.
      Pietro

      • emanuele arteniesi ha detto:

        l’esperienza della torre pontina di Latina vista dalla corriera che passa nella città per andare a Roma libera reazioni riflesse senza rabbia… ti si dipingono le sbarre del carcere negli occhi. Bisogna vederla nel pianoro che ha tutto intorno. E’ bello viaggiare in corriera è più psichedelico

  4. sergio43 ha detto:

    Avete mai visto i giubbotti esplosivi che indossano i kamikaze islamici, quei giubbotti che, allacciati al torace, hanno tante tasche tutt’intorno per contenere le granate? Impressionante! Lo stesso effetto mi fa l’ultimo grattacielo (confesso la mia ignoranza; é quello di Gallipoli?)! Fosse il meschino già pronto, con le cariche incorporate, per implodere su se stesso quando si dovesse decidere di demolirlo?

  5. mauro ha detto:

    @sergio43
    Lei mi potrà dire che è solo una battuta…, ma si vede proprio che non conosce la difficoltà di chi, in quei paesi, vi lavora, magari per scopi umanitari (dicendo che è la per la Pace, ma ha le armi), e si deve guardare da chi lo spetta ai margini di una strada con il “giubbotto”…oppure di chi l’abito è costretto ad indossarlo da uno dei tanti regimi; quest’ultimo, intendo “l’indossatore”, non conosce, come Lei, i grattacieli di Gallipoli…morirà senza saperre cosa sono. Battuta, la sua, infelice.
    Saluti
    Mauro

  6. sergio43 ha detto:

    Io la battuta, mauro, la sua una sviolinata, la mia infelice, la sua stridente. Uno a uno e palla al centro!

Rispondi a ctonia Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.