Alemanno e … “gli italianissimi” … “talenti di casa nostra” …

ITALIA NOSTRA

COMUNICATO   STAMPA

Roma, 24.03.10

CARLO RIPA DI MEANA  AL SINDACO ALEMANNO:

“INVITA VELTRONI E RUTELLI

ALLA TUA INIZIATIVA SUGLI ARCHISTAR IN NOME DELLA COERENZA E DELLA CONTINUITA’ ”

Roma 24 marzo 2010

Al Sindaco di Roma

Gianni Alemanno

Gentile Signor Sindaco,

abbiamo ricevuto il programma del Convegno Internazionale di due giorni promosso dalla sua Amministrazione l’8 e il 9 aprile all’Auditorium della Musica, Sala Petrassi: “Roma 2010-2020 nuovi modelli di trasformazione urbana”.

Dopo aver letto attentamente il programma dei lavori e, dopo aver scorso i nomi dei maggiori relatori, avanzo la sommessa proposta che per il programma dei lavori, sia scelto come definitivo e finale titolo dell’iniziativa, più dell’attuale insapore “Progetto Millenium” questo: I problemi irrisolti delle aree dismesse e delle periferie romane al vaglio delle Archistar internazionali.

Appare dunque indispensabile, anzi doveroso, che Lei inviti ad aprire i lavori l’Onorevole Francesco Rutelli  e a concluderli l’Onorevole Walter Veltroni rendendo così pubblica la continuità della Sua politica su questo punto, in particolare sulle periferie e le aree dismesse. Anche in considerazione di quella che fu la Sua appassionata  e radicale e recentissima polemica contro l’opera dell’architetto Richard Meier di cui auspicava la distruzione e, più tardi, lo spostamento in una località diversa. Risulta credo più corretto che Lei eserciti compiti onorari di presidenza. La contiguità infatti di appena un’ora tra la sua prolusione e l’intervento di questo autore Le consentirebbe, come Presidente Onorario del Convegno di distanziarsi e insieme, di offrire all’Onorevole Rutelli che fu il committente dell’Ara Pacis – Meier di trasmettere quella cordialità e quella fiducia che Rutelli Sindaco riservò all’autore Meier e che l’autore certamente gradirà molto.

Per quanto riguarda poi l’Onorevole Walter Veltroni l’intero Convegno è in continuità e in coerenza con la sua indimenticabile politica per la città fatta, tra molte altre cose, di ponti d’oro riservati agli arrivi e ai ritorni delle Archistar internazionali, a cominciare dalle iniziative grandiose di accoglienza, di permanenza e di emolumenti per i soggiorni e la permanenza nelle pubbliche occasioni promozionali nel corso delle progettate realizzazioni delle opere.

Quanto poi ai problemi delle aree dismesse e delle periferie romane quelli furono allora per i suoi predecessori e oggi per Lei problemi rimasti tutti aperti nella continuità della Sua opera con quella  dei Sindaci indimenticabili che operarono nel quindicennio precedente il Suo.

Ma su questo, sul merito dei lavori, la nostra Associazione non mancherà, appena conclusa la fase elettorale, di parteciparLe il proprio punto di vista.

Gentili saluti

Il Presidente

Carlo Ripa di Meana

Roma, Alemanno ad Italia Nostra: Ad archistar nessun privilegio

Roma, 24 MAR (Velino) – “Non posso non respingere nella maniera piu’ netta l’accusa che Italia Nostra mi rivolge di ‘essere in continuita’ con Veltroni e Rutelli per quanto riguarda la politica delle periferie e l’attenzione alle archistar'”. Lo afferma il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.”Ci sono, infatti delle differenze fondamentali che un’associazione qualificata come Italia Nostra non puo’ non cogliere – continua il sindaco capitolino -: la prima e’ che,insieme alle cosiddette ‘archistar’ internazionali, sono chiamati a partecipare al convegno, con la stessa dignita’ o anche con ruoli superiori di coordinamento, gli italianissimi esponenti degli ordini professionali e delle facolta’ di architettura e di ingegneria della citta’ di Roma. Quindi, il nostro workshop, pur avendo una proiezione internazionale di altissimo profilo, non trascura affatto i talenti di casa nostra.Ma la differenza ancora piu’ importante e’ che qui siamo di fronte a un workshop, cioe’ a un confronto culturale, e non alla remuneratissima concessione di incarichi professionali, magari a chiamata diretta, come e’ successo per la Teca dell’Ara Pacis affidata a Richard Meier”. (segue) (com/ped)

Roma, Alemanno ad Italia Nostra: Ad archistar nessun privilegio (2)

Roma, 24 MAR (Velino) – Questa e’ la differenza decisiva – prosegue Alemanno -.

Le proposte che raccoglieremo nel workshop dell’8 e 9 aprile ci serviranno per lanciare dei concorsi di idee e dei bandi progettuali aperti a tutti, in cui ogni studio potra’ liberamente partecipare e sara’ giudicato per il valore del suo lavoro e non per lanotorieta’ delle sue firme. Credo che, come ha fatto il presidente Sarkozy per Parigi, anche Roma meriti un dibattito di respiro internazionale per affrontare i problemi urbanistici della Citta’ storica e delle periferie, problemi che si trascinano da ormai mezzo secolo. Inoltre, in occasione di questo convegno, ci sara’ una mia visita conl’architetto Meier all’Ara Pacis per definire, possibilmente in maniera concordata, la correzione della Teca e una sua profonda ricontestualizzazione urbanistica in quella parte di centro storico. Ugualmente – conclude il sindaco Alemanno – insieme all’architetto Calatrava, visiteremo i cantieri di Tor Vergata per studiarne la migliore finalizzazione in vista della candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2020″. (com/ped)

…………………………………………………………..


Imbarazzanti le conclusioni di Alemanno: …

Il genio italiano: i “talenti di casa nostra”, … Schiattarella, … De Santoli, …

poi il Sarkozy della marana, a passeggio pe’ Ripetta coll’americano …

e a Tor Vergata a fa’ cicoria coll’architetto dei mondiali … di nuoto …

Ma queste so’ l’Olimpiadi della presa di culo …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Alemanno e … “gli italianissimi” … “talenti di casa nostra” …

  1. lucio bordinetto ha detto:

    girando per siti sono inciampato in repubblica dove ho scoperto che alcuni cittadini presuppongo avrebebro da chiedere qualche cosa alle archistar e ..anche al sindaco. che ne pensa prof?

    Fai clic per accedere a 10domande.pdf

    • manuela Marchesi ha detto:

      Sante domande che vengono fatte anche da coloro (Fuxas, Hadid, per esempio) che forse sono esempi di vera autoreferenzialità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.