Osterie … sirene … e centauri …

Emanuele Arteniesi ci segnala questo passo di Savinio: …

“Molto Boecklin sacrificò a Bacco Lieo. L’amore del pittore per il dio “che scioglie” era un amore giovanile, risaliva al 1850, al tempo in cui Boecklin, assieme con altri pittori amici, lavorava nello studio della passeggiata Ripetta, e il vino, nella Roma percorsa dalle braghe rosse degli zuavi, costava quattro soldi al litro. Le ricreazioni stesse erano vinose, le gite fuori porta, le soste all’osteria del Mezzo Miglio, a Porta Pia, all’osteria Marozzi, all’osteria del Carciofolo, alle terme di Caracalla; quelle gite che allo svago associavano la contemplazione della natura e le feconde dispute sull’arte. In uno dei suoi autoritratti, Boecklin regge nella destra un bicchiere colmo di liquido rubino. Talvolta si ricordava che era svizzero, e assieme alla moglie andava alla birreria Albrecht, in via Capo le Case.”

da: Alberto Savinio  Narrate, uomini, la vostra storia.

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.