Da Clara … per Julio …

essojulio

Da Clara Tosi, con la quale condividiamo, da sempre, alcune interstiziali passioni romanesche, riceviamo e volentieri vi giriamo: …
I PALAZZI DELLA ESSO COME IL GRANDE TORINO

“Il Grande Torino è l’ultimo film di Clint Eastwood: é’ la storia di un vecchio che difende la sua macchina perchè per lui significa molto.
Mi piacerebbe tanto poter usare argomenti come il rispetto delle cose degli altri, o la considerazione per la storia delle stesse cose, che siano auto o palazzi, ma certi termini non vengono più riconosciuti, come i segni di un codice a barre scaduto che la macchina politica e economica non legge e rifiuta. Il Grande Torino sta andando bene al cinema, è la storia di un vecchio come quello scelto dalla Coca Cola plirucentenario: sono belli, ricchi di ricchezze che non si comprano, ricchi di storia.
Io ho avuto il privilegio di vivere a stretto contatto con Julio Lafuente, di ascoltarlo, di vedere i suoi disegni (veri su tecnigrafo), di raccogliere alcuni suoi ricordi professionali per un libro che raccontava la sua attività di architetto a Roma.
E’ un signore elegante come lo sono certi spagnoli, fa pensare a Balenciaga ma anche a Manolete, seri, soprattutto seri, rigorosi e composti anche mentre fanno un abito da sera o affrontano un toro.
Pensava dopo la guerra di passare da Roma per andare in America, ma Roma nel 1947 era una trappola per intellettuali e artisti e lui come Pietro Consagra, Federico Fellini e tanti altri qui c’è rimasto per sempre.
Lavora  subito in uno degli studi migliori di quegli anni da Amedeo Luccichenti e Vincenzo Monaco, le palazzine romane cambiano aspetto grazie alla sua mano, è lui che supera il vecchio sistema dei lunghi corridoi e cerca di diramare la planimetrie dell’appartamento dal centro. Conosce l’architettura ed è libero da convenzioni culturali borghesi, è artista al punto giusto e quando disegna per fortuna scrive planta così che diventa facile capire che fossero proprio le sue!
Piega la cortina, incastra i mattoncini come fosse tessuto, ma proprio come Balenciaga non è mai lezioso.
La collaborazione con Rebecchini temo lo abbia relegato ad un contesto romano poco amato dalla critica comunque ha avuto grandi opportunità in una città dove ancora non c’era traccia di Auditorium o Are Pacis.
Prima di questa gaffe, perché è una gaffe nei confronti della storia dell’architettura quella che sta avvenendo, era già passato da una seria incomprensione. Il suo Terminal dell’Ostiense era partito male dall’inaugurazione quando il trenino non arrivava perché dovevano demolire alcuni marciapiedi che ne impedivano il passaggio. Fino ad essere boicottato dalle lobby dei tassisti che perdevano le corse a Fiumicino. Fino a diventare un pachiderma, un cetaceo arenato in un parcheggio illuminato dalle luci felliniane del meganegozio di giocattoli che ospita.
Eppure era bello, ispirato ai mercati traianei, con la copertura in rame e le bucature tonde come quelle della Gare d’Orsay.
Ora i palazzi della Esso che potremmo anche non apprezzare completamente soprattutto perché sono rimasti ventagli architettonici in una landa disperata, famosa per i problemi di acqua nel terreno. Proprio per quella natura geologica Lafuente aveva pensato a delle strutture di fondazione uniche, forse mai viste a Roma.
Anche Fellini le aveva reputate valide come sfondo, sufficientemente surreali per lui che ricostruiva anche via Veneto!
Ho visto sul giornale che ci sono già dei ponteggi su uno dei ventagli, non so che dire, mi piacerebbe che qualcuno lo avesse almeno interpellato ma ne dubito. Allora automaticamente penso alle prove di colore che si fanno per le facciate dei condominii, penso ai condoni, ai Suv, agli impianti di condizionamento attaccati alle facciate come zecche, penso ai cafoni che toccano tutto e a quelli che celebrano il Futurismo … Lafuente lavorava con artisti come Severini facendogli fare pavimenti o pannelli per i negozi o gli androni dei palazzi che realizzava.
Clint Eastwood ha detto che questo è il suo ultimo film da interprete …”

C. T. P.

Clara ha recentemente attivato un suo blog

http://www.add-dress.blogspot.com

che parla di abiti e di Roma …

dove troverete notizie su qualche vecchia sarta …

magari quella che ha cucito i costumi per Donati …

che traduceva in abiti le visioni di Fellini…

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Da Clara … per Julio …

  1. liuk ha detto:

    d’accordo su tutto, però il film di Eastwood è “Gran Torino”, un modello della Ford, se no sembra che Clint abbia girato un film sul “Grande Torino”, che per tutti è la fenomenale squadra di calcio schiantatasi sulla collina di Superga nel 1950…

  2. giuseppe ha detto:

    ci aggiungerei anche FUFFAS che sull’espresso parla delle DUE torri dei DUE impianti fondali ….. io ne conto TRE!
    sarà l’età, saranno gli occhiali: a me sembra che si parli per parlare, che qualsiasi cosa si faccia ci fa schifo perchè non sappiamo rinnovarci, abbiamo paura di cambiare, di migliorare quello che è già stato fatto, perché non abbiamo più alcuna capacità critica se non quella di disprezzare (esercizio puerile di chi non ha idee) perché è più facile attaccarsi al passato che costruire il futuro. Non si è grandi architetti per aver fatto grandi edifici, ed un grande edificio non è necessariamente una grande architettura. vale per me (che non sono un grande architetto) e vale anche per chi vorrebbe saper criticare ma non sa indagare…
    che altro aggiungere? a leggere il blog si conclude che: l’ultimo progetto di Piano fa schifo, l’ultimo progetto di Shigheru San fa schifo, l’Ara Pacis fa schifo, il colosseo fa schifo, l’ultimo progetto di Fuffas fa schifo, l’ultimo progetto di Zaha Hadid fa schifo ……… e tra due anni guai a chi li tocca!
    vi ci trovate?
    se si è un problema vostro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.