Parking … Italia …

Cristiano Cossu, che ringraziamo, ci segnala …
Livorno  … Corriere della Sera  … Cronache … 25.8.08
di  Marco Gasperetti …

Giù il cinema futurista, si fa il parcheggio” …

“L’ultima ruspa ha fatto arrabbiare anche Vittorio Sgarbi. «Stanno distruggendo una delle testimonianze più importanti dell’architettura cinematografica del Novecento», ha detto il professore. E subito dopo sono arrivate raffiche di proteste, appelli per bloccare il progetto Odeon, ovvero lo smantellamento di uno dei cinema più belli di Livorno, in pieno centro città, progettato dall’architetto futurista Virgilio Marchi.” …
anche “L’ex assessore Matteoni non è d’accordo. «Ciò che è stato già abbattuto non era affatto anonimo. Marchi era riuscito a coniugare la funzionalità dell’impianto, l’ottimo assetto acustico, con la raffinatezza delle soluzioni architettoniche, particolarmente apprezzabili nel foyer ellittico e nella struttura parabolica di copertura.  …
Vittorio Sgarbi è contrario ad abbattimento e ristrutturazione: «Qualunque intervento cancelli la memoria storica di un edificio architettonico va bloccato. E’ un atto di barbarie, di inciviltà.  Un cinema è il riferimento di una comunità e oltretutto l’Odeon ha una valenza architettonica di prestigio. Trasformarlo in un parcheggio è un atto di barbarie. A Milano hanno abbattuto lo stabilimento Alfa Romeo: aveva 100 anni, ci hanno fatto una rotatoria. Uno scempio» …
L’assalto all’Odeon è solo l’ultimo scempio architettonico nella storia recente di Livorno. Una città martoriata dai bombardamenti e ricostruita in modo pessimo. Le demolizioni eccellenti sono sconcertanti.  Negli anni Settanta si decide di abbattere la casa natale di Mascagni, nella Piazza Cavallotti cuore della città. Al suo posto si costruisce un orribile palazzo rosso.  Non si salva neppure il Politeama, cinema-teatro  dove aveva debuttato Beniamino Gigli, raso al suolo per un altro palazzone senza gusto estetico. E ancora le ruspe abbattono la villa  Attias, mirabile esempio di architettura neoclassica, per costruire un parcheggio sotterraneo e un palazzo dove c’è un grande magazzino.
Poi ci sono le dimenticanze architettoniche. Clamorose. Il teatro San Marco, dove nel 1921 nacque il Pci di Gramsci e Bordiga, non è stato ricostruito e la facciata, l’unica ad essere rimasta in piedi, oggi ospita un asilo. La casa natale di Amedeo Modigliani è stata cancellata dalla toponomastica della città, sino a quando un lodevolissimo privato amante dell’arte, Giorgio Guastalla, l’ha acquistata di tasca propria per salvarla dall’incuria. La casa dove nacque Giovanni Caproni, uno dei più grandi poeti del Novecento, che a Livorno ha dedicato poesie e scritti, è stata dimenticata sino a un anno fa. Oggi è chiusa (appartiene a un privato) ma è stata posta una targa di memoria sulla facciata. E’ poco, ma sempre meglio di una ruspa.” …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Parking … Italia …

  1. gabrielemari ha detto:

    Appena letto su corriere.it…
    Francamente se lo potevano risparmiare (o almeno potevano chiedere consiglio a Veltroni, così il parcheggio lo avrebbero costruito scavando sotto il cinema…)

  2. PEJA ha detto:

    Tutto ciò è semplicemente RIDICOLO… Come quello che sta succedendo a Pescara, come ciò che succede alla periferia romana (ricordiamo i vari delitti sul litorale nord, mie terre natie), come sta succedendo, in alcuni casi, a Roma…

  3. sergio 1943 ha detto:

    Sto incrociando le dita perchè anche il cinema “Excelsior” di Porto San Giorgio, piccolo ma significativo esempio Art Decò di una cittadina balneare, che già aveva improntato tanta parte della sua edilizia di inizio secolo XX° con un modesto ma altrettanto significativo Liberty, non faccia la stessa fine. La significanza del luogo e la bellezza dell’edificato sono oramai considerate in Italia un Valore Aggiunto economico e non un Bene da tutelare. Nel momento stesso che l’interesse econimico se ne impossessa, addio alla significanza del luogo e addio alla bellezza dell’edificato per cui: addio al Tridente, addio al Pincio, addio a tanta parte delle coste, addio al cinema Odeon e, forse, ma ci stiamo battendo, addio al cinema Excelsior.

  4. salvatore risoli ha detto:

    Livorno -10
    Avellino 10+

    Ad Avellino sta per essere portato a termine il restauro e consolidamento del cinema Eliseo progettato da Enrico Del Debbio nel 1937
    saluti
    salvatore risoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...