Quattro passi tra le “nuvole” … Chissà quanto gliene frega a Rem dell’Almone? …

Forse era una giornata nata storta, … ma l’altro giorno sono andato a vedere una mostricina su Moretti (si! … Luigi … il grande … Moretti …) che l’Archivio Centrale dello Stato ha rabberciato per celebrarne alla peggio, in zona Cesarini, il centenario … una robbetta che era più giusto lasciar perdere … passata ormai la festa … perché infierire?
I soldi per le grandi celebbbbrazzzzioni pare che se l’è magnati tutti Garibaldi … quindi per i Beni Culturali … Moretti: “Vaffanculo! …”
a Cicciobello, Pio, Margherita e quant’altri, evidentemente der povero Luigi nun je ne po’ fregà de meno … loro devono fa la pubblicità a Masino, manco che ce n’avesse poi tanto bisogno … ma quello gli sponsor magari l’ha trovati lui … che se l’è portati da casa …

ma, forse … ero già incazzato perché su la Colombo dopo er baraccone di piazza dei Navigatori co’ la pensilina ‘ndrizzata dar Maestro e la saponettona bianca sulla destra … l’Ovo novo de’ la Colombo, … sulla sinistra er monnezzaio della Fiera … anzi ex … che un giorno sì e uno no Varter ce se sciacqua la bocca a furia de’ “grandi” architetti che hanno scerto Roma come “punto di riferimento” … maddeché se l’è mai chiesto? … e tutti li ruffiani quotidiani che che ce rompono li cojoni colla “sfida di progetti tra archistar” … “per la città dei bambini” … ‘na pezza a colore sur monnezzaio … e ce minchionano de chiacchere sur Modello Mondello che pe’ noi fa solo rima co’ Bordello … e ce raccontano le storie … “sull’ennesima conferma dell’attrattività di Roma e della sua capacità di progettare il futuro” …
mah … sarà … che a noi, invece, ce pare che siano tutte stronzate …
e poi s’incazzano se l’americani ce dicono che siamo “infelici, poveri e vecchi” … de che se vonno lamentà? … che nun c’hanno chiamato puro rimminchioniti … che facevano prima … e risparmiaveno puro le parole …

ma ‘namo avanti … su la Colombo … che pare er regno de Bengodi de li palazzinari novi che fanno ormai da banca …
su la sinistra, ancora ‘sta Nuvola che nun se ne po’ più … janno smontato er plasticone e janno messo sta pietra … la “prima” … che mò aspettamo l’artre … e poi appena più avanti le torri che devono venì giù e che Renzo pé fa contento l’amico nostro che abbita co’ lui sulla piazzetta de Pariggi … je le rifà più chiattarelle e trasparenti co’ l’arberetti dentro, tanto ecologgiche … che così la nuvola bella se vede pure quanno rientri da Ostia … la domenica … in fila … Grazie Renzo …
ma lasciamoli ‘sti due … tanto ormai … nu li ferma più nisuno … so come la Ferari er Brunello e ‘r Parmigiano … prodotti DOC … DOP … d’esportazione … chi li tocca è nemico della patria … boicotta l’economia nazionale … è un lurido disfattista … qualunquista … viva i pomodorini de Pekino …
ma traversamo puro er lago … sotto ar fungo te ritrovi, prima der carciofone de bronzo de Pomodoro che, prima de finì lì, ha già fatto er giro intero de Roma, ché nu’ lo voleva nessuno, … poi er poro Nervi impacchettato co’ la smorfia de Lottomatica … bah … era mejo prima …
e poi ancora giù verso fòri … là dove c’era er campone der festival de l’Unità tant’anni fa … ma l’architetti … sempre loro …
er prato? … er pratone metafisico inclinato, magari … quello sì che lo stanno a fa … su un buzzicone a zeppa che se scontra l’autostrada … e je so puro spuntate le tette … du’ cocomeri de plastica che er poro Foschini su lo sfonno fa la figura der minchione e puro Lui nun era mica uno da poco … se non artro, prima er fascio, co’ li preti, li massoni ammericani, e poi, co la democrazzia, era puro er nummero 32 de la P2 … mica cazzi …
poi ‘nartro scatolone … questo verde, de vetro a zeppa puro lui …
e sulla destra quattro ruspe nove che già rujano … pe’ demolì er Velodromo … ma che male javeva fatto st’architetturina, ‘na creatura, che meglio nun se poteva … giù … sfonna tutto… che devono magnà … fitness … benessere … e che nu lo voi er Benessere? E Fausto … Coppi? … ‘ndo l’hanno messa la statua der Fausto nazionale? … se so’ fregata puro quella? … ma allora ditelo che è proprio tutto ‘n saccheggio … tutto ‘n sacrileggio … magari se la so’ portata ar Museo de lo Sport … Quale? … Dove? … Mah? … Chissà? …
ma che ce ne frega a noi della statua di Fausto Coppi … qui famo l’architettura nova … moderna … internazzzzionale … e nun ce ferma nisuno … a noi ce frega der Benessere … de li Cittadini … Moderni …
mah? … sarà? …

sulla sinistra certe cose … colle balaustre da antichi romani, prefabbicate … marchio de fabbrica di una delle più prolifiche famiglie palazzinare capitoline … evidentemente molto legata ar teritorio … alla memoria “storica” della città all’antica …
poi ce sta la stazzione de la metro quella de li tempi de li socialisti che hanno magnato puro loro quanto bastava, ma che pare ormai un “pezzo de storia” puro lei …

poi giri … t’infili … t’infogni … cerchi de tornà a casa … e te ritrovi contro mano sull’Ostiense … lì dove quelli fichi de Roma Tre hanno fatto l’archeologhi ‘ndustriali coll’Alfa Romeo … che manco era male e per quello l’hanno tirata giù e poi l’anno ritirata su … rifatta, più o meno, dov’era … com’era, … ma allora perché … se je piaceva tanto nun se so’ tenuti quella vera? …
misteri dell’architettura contemporanea romana …
poi passi dietro a San Paolo … te rifai la vista co’ la torre der Poletti che poi sarebbe er campanile … lasci de striscio una “simpatica” sistemazione archeologico-giubilare der Cellini lenticolare che … era mejo prima … ma co’ Rutello pe fallo più bello … hanno sfasciato tutto e mo’ se tenemo ‘sta cozza d’autore …
giovanetto, giovanetto … modernetto, modernetto …

lasciamo poi, sulla destra, l’unica cosa bòna fatta a Roma de stì tempi …
che Pino ce sa fa’ … e l’artri ce se ‘ncazzano pure …
e ce ritrovamo sulla sinistra ‘n bucio dietro alla Centrale che mo l’attappa er solito … che je piace tanto a Lui … cor tettuccio sulle ventitré che è mejo d’un bigné … e sulla destra … finalmente …

che è qui che volevo arivà, li Mercati Generali, anzi ex pure loro … che nun c’è rimasto praticamente gnente … er core de Roma … piazza pulita … qui è tutto un putiferio de’ graffiti incazzati … pare che li vonno o l’hanno già sfrattati da li locali occupati a sbafo … certi pirati … der porto …
che puro si nu’ me so’ mai troppo piaciuti … sembra ormai che so’ rimasti li soli co’ la capoccia a ragionà … dicono cose normali … semplici … se capiscono, ‘sti pirati …
e poi er muro alto e grosso … alto e rosso che pare il Kremlino … e Fort Knox messi insieme a protègge … mejo, a nasconne er casino che stanno a fa’ la dentro … ai Mercati ormai hanno sfasciato quasi tutto … ‘ndo ‘rivano quelli de le Risorse … fanno sempre casino … sfonnano … impicciano: … “valorizzano” …
e qui dove se poteva fa’ quarcosa de bono pe’ tutti … scavano … scavano … scavano e fanno cubbatura … che poi la mettono assieme puro ar Campidojo nummero 2 e fanno … Bingo! …
ma, cubba tu che cubbo io … sta vorta, me sa, che se so’ fregati da soli … scava … scava … hanno trovato l’Almone …
ma che d’è sta’armone … l’Almone … il fiume sacro de li romani antichi … che sur giornale già ce sta già scritto: “ … il tesoro dei mercati, scoperte centinaia di anfore” e poi, se vede che hanno studiato, “… sembrano un’installazione di Kounellis” … e sì perché a Roma quanno scavi … quarc’osa trovi sempre … ma stavorta è puro sacro … per davéro …
e mo’ che ce combinerà Rem? … scanserà la sua nuvola cubbica, er buzzicone volante? o valorizzerà, puro lui, come ha fatto Renzo ar Flaminio? …
come hanno fatto sotto piazza Euclide? …
come hanno fatto alla villa di Agrippina? …
come hanno fatto all’Ara Pacis? …
come hanno fatto al Pincio? …
come hanno fatto ai nuovi Mercati Generali? …
come hanno fatto …
che je diranno sti archeologgi romani? … fa’ un po’ come cazzo te pare, che noi avemo trovato la capanna de’ Romolo e puro la tana de la lupa e del resto … nun ce ne po’ fregà de meno …

più in là … appena davanti alla Piramide … il Palazzo ex Acea … ma quella è un’altra storia …

e tutto ‘sto casino … pe annà a véde ‘na mostra … sur povero Luigi …
che manco ne valeva la pena …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Quattro passi tra le “nuvole” … Chissà quanto gliene frega a Rem dell’Almone? …

  1. filippo de dominicis ha detto:

    “ma chi non rammenta ciò che michelangelo diceva dell’architettura: …e non si sa quanto sangue costa!”
    p.s. : prof, a dirla tutta le è mancata una piccola deviazione a via silvio d’amico, una perla non da poco la nuova facoltà di economia di “quei fighi” (con la “g” piu milanese, dunque ancora più fiGo) di RomaTre!!

  2. cinicoarch ha detto:

    Prof. lei è proprio un grande…….proprio una voce che reverbera all’infinito in questo mondo da griffarchitect io c’ho lavorato da Rem e mi creda gli impicci su quel progetto sò talmente tanti che ci si potrebbe scrivere un libro.
    Dopo il licenziamento di Baldeweg per aver sforato sui costi spero accada anche per il nostro caro amico.
    Ma sappiamo che l’amicizia col caro superwalterdemopopularpopulista non permetterà mai che accada.

    Uno studente che la ammira.

  3. adelaideregazzoni ha detto:

    caro giorgio muratore l’altra sera eravamo a cena insieme, e il sacrosanto discorso che ho letto ora è l’unione di tanti frammenti di discorsi che giravano tra i presenti. mi congratulo per il tuo coraggio, per la tua chiarezza, e sono certa che forse arriveremo a qualcosa .un abbraccio adelaide

  4. emanuele arteniesi ha detto:

    Grazie Prof! Me fa tajà!..
    .. sulla scia del Belli e Der Pasticciaccio..
    un bel Dire.

    Lo stupro tra piazza dei Navigatori e li campi fora
    è di una brutalità forse mai vista..
    era una delle vie più belle da percorrere in macchina

    l’albero di natale di pomodoro..
    quando si arrivava da fuori .. prima il paesaggio era stupendo
    ora lo sappiamo meglio

  5. pinello ha detto:

    Caro Giorgio,
    Per LUIGI MORETTI vale sempre la pena…, e alimentare la critica operativa zeviana, sulla fortuna di uno dei più importanti maestri del “secolo breve”, quello aperto dalla grande guerra tra le monarchìe d’europa e chiuso con la vittoria della democrazia americana del 1989, dopo anni di guerra fredda.
    Hadid, Koolhaas, Siza, Holl, Venturi, Meier, Ungers, Pelli, Moss, Ando, Roche… per ciascuno posso citare almeno un lavoro che devono al maestro romano ingombrante e politicamente scorretto dal secondo dopo- guerra, continuazione della prima.
    Harvard, Columbia, Cooper Union, Cornell, Princeton, Yale, U.C.L.A. Berkeley,
    I.U.at Chicago, le nove della ” IVY LEAGUE ” delle scuola di architettura USA, studiano da anni Luigi Moretti.
    Ancora ” nemo profeta …”

    vgberti

  6. sergio 1943 ha detto:

    A parte il fatto che questi non sanno più come si tratta un elemento, al di là delle valutazioni estetiche, come il simil obelisco di Pomodoro! Aoh! Stamo a Roma! Mica no! Sisto V li metteva a fulcro di una piazza e d’un incrocio visuale. Financo Mussolini, al di là delle valutazioni storiche, mise l’0belisco a Marconi nella giusta posizione all’Eur e quello a lui medesimo nella giusta posizione al Foro Italico. Questi hanno messo la scultura in mezzo al parcheggio dell’ex Palazzo dello Sport, ora pomposamente Palalottomatica! Fosse stato per me, dovendo comunque collocare da qualche parte il dono di Pomodoro, l’avrei messo al centro del sistema “via dell’Oceano Pacifico-via dell’Oceano Atlantico-via Cristoforo Colombo”, come elemento dinamico di un Round Point che avesse sostituito, come fanno in tutti i paesi civili, l’incrocio che rallenta il flusso del traffico da e per il mare. Un altro obelisco, questa volta egizio, in pessima posizione é quello nascosto nello scomposto giardinetto di Piazza dei Cinquecento. Abbandonata la primitiva e decorosa posizione davanti l’antica Stazione Termini, si erge ora, negletto, a far da cacatoio agli storni, da pisciatoio agli homeless e da deposito di bottiglie vuote di birra per gli alcolisti. Fosse stato per me, una volta reso doverosamente al governo etiope l’obelisco di Axum (a proposito che fine ha fatto?) avrei risarcito il vuoto davanti la FAO con il succitato monumento ai Caduti di Dogali, ricostituendo in tal modo il fulcro del sistema “Viale Aventino-Passeggiata Archeologica-via di San Gregorio”. Qualcuno dirà che questi sono dettagli? Beh! é anche nella soluzione dei dettagli che si valuta l’amore e l’interesse per la città di chi amministra, tra Are Pacis,ascensorie feste del cinema.

  7. onofrio del grillo ha detto:

    …ricordo quando nell’autunno 2001, laboratorio di progettazione architettonica1 aula7, si parlava con leggerezza e semplicità di venturi, di eisenman e delle rotte degli aerei che amava studiare (mi pare fosse lui vero?!?!), di moretti e della casa del girasole, dell’edificio della nostra scuola, di del debbio e del marcapiano, dei disegni di mario ridolfi. ricordo le videocassette di rubino e i video di jacobsen e alvar aalto.
    auguri e grazie.

  8. marco ha detto:

    E’ vero… povera Colombo… il cimitero dell’architettura, o meglio la sua negazione… non mi spaventano le opere delle archistar… manco ciò che produrrà Rem… ciò che mette paura e che inevitabilmente cambia le nostre città… sono quelle opere anonime (nel senso che chi le progetta se ne vede bene dal dichiararsi…), tipo la terrazzona a piazza dei navigatori o peggio quell’edificio accanto orrendo… con un infisso attaccato, che forse nella milano da bere anni 80, dei film di Pozzetto-Celentano e la milano 2 di Berlusconi… stava bene… tripudio di post modern… o anche quell’oscenità all’imbocco della Pontina… una finta mastodontica costruzione di granito… con cupolette che sembrano le SISE di Venusia… qualcosa di imbarazzante… tanto che il progettista preso da rimorsi di coscienza potrebbe suicidarsi o piangere tutte le notti… perchè ricordato come uno di quelli che ha contribuito a rendere orribile il paesaggio romano…
    Infine… piange il cuore… veramente, a pensare che verrà abbattuto il velodromo, una delle cose più belle, per anni abbandonato… divenuto un pisciatoio… dove le donnine vanno a battere… (non sono un frequentatore… per carità… ma se passate lì di pomeriggio… sarà inevitabile notare tutto questo). Quella pista favolosa, completamente ricoperta di legno… bè altro che città del benessere… città dello spreco, città dello schifo… città delle occasioni sprecate… una delle poche opere che meritava di essere ripristinata e invece niente… via! Già, una povera creatura… piccola, deliziosa…che vi ha fatto di male… ?
    Per il resto… a che serve incazzarsi? Tanto… le città italiane… credetemi… sono brutte… al di là di quello che si può pensare… dei centri storici… qualcosa di bello e buono c’è… ma poco… la provincia incombe… i nuovi paesaggi sono gli autlet, privi di strade, con le case di tufetti mezze finite accanto… la fila di macchine e la mondezza che brucia… questo è il bel paesaggio italiano.
    Prof… anche se non condivido molte cose che lei afferma… per me è un grande una legenda!

  9. pinello ha detto:

    Caro Onofrio Del Grillo,
    Certo che rammento le mie lezioni dell’ autunno 2001 e le video-cassette proiettate – dietro mio invito – dal compianto Prof. Ing. Luciano Rubino, vittima allora, inspiegabilmente, di ” mobbing ” responsabile della Mediateca di Facoltà…Lei non è l’unico negli anni a rammentarmi di essere riuscito, malgrado il ” letame muratoriano “, a continuare a fare scuola anche a Valle Giulia negli ultimi anni.
    Siamo passati: Francesco Cellini, Ludovico Micara, Maria (Mary) Angelini, Attilio Petruccioli, Florindo Fusaro, ed altri…, mi si perdoni qualche omissione, ma la lista diverrebbe talmente lunga…; allora contrattisti o assegnisti o borsisti poi dal1980 ricercatori; io, sin dall’inizio da Firenze a Roma, con Maurizio Sacripanti (1970-1977) agli ultimi anni da docente di ruolo di Ludovico Quaroni (1977-1981) poi a Carlo Aymonino; chiamato dallo I.U.A.V. (da ex preside) a Venezia a fare l’Assessore per le Trasformazioni nel Centro Storico di Roma nella Giunta Petroselli-Vetere ed alla cattedra (ex Lu.Quaroni) in Valle Giulia, anzi allora, nella sede di Piazza di Fontana Borghese c/o Piazza di Spagna nel tridente.
    Le racconto l’iter di ” carriere ” di compagni di assistentato molto più prestigiose della mia, come potrà Lei stesso verificare, due sono attualmente Presidi a Roma3 e nel Politecnico di Bari, altri Professori Ordinari all’ U.di Chieti nella sede di Pescara o in USA.
    Le auguro di trovare ancora chi le trasmetta qualcosa appreso dai su citati maestri romani.
    suo,
    vgberti

  10. stefanosalomoni ha detto:

    Voga sul Tevere.
    Rem sull’Almone.
    Chiedo venia.

  11. Giancarlo Galassi ha detto:

    (Uomini del fango)

    Istituiti negli anni 1259-’60, nominati dalle curie cittadine in numero di venticinque
    per ogni quartiere, sono carradori che devono rimuovere e portare fuori della città fango, letame e rifiuti di varia natura. Devono disporre di un carro ingratiçato e preferibilmente risiedere nel borgo in cui operano. L’incarico è annuale ed il compenso pari a cinque lire. Gli interventi sono fissati in numero di due ogni mese ed in caso di inadempienze sono soggetti ad un banno di venti soldi. La normativa precisa, però, che ogni cittadino dovrà provvedere settimanalmente alla raccolta dei propri rifiuti (banno venti soldi); e su ciò dovranno vigilare due uomini del quartiere eletti ad brevia. Si prevede che uno dei due sia notaio. Nelle versioni statutarie del 1262-’64-’67 si registra una riforma dell’istituto e dell’organizzazione nel suo complesso: e ciò per ovviare alle frodi (baratarias) compiute dagli ufficiali addetti al controllo del trasporto rifiuti e, inoltre, per garantire un servizio migliore. Così, il podestà dovrà presentare in Consiglio la proposta di locazione del servizio, di fatto un appalto che sarà concesso all’incanto (sic) a coloro che richiederanno il compenso più basso e conveniente. I rifiuti dovranno essere rimossi e scaricati fuori dalla città e dai borghi una volta la settimana. Per i cittadini resta l’obbligo settimanale di riunire i rifiuti domestici presso l’abitazione.

    Da: Università di Bologna, ACQUE DI FRONTIERA – PRINCIPI, COMUNITÀ E GOVERNO DEL TERRITORIO NELLE TERRE BASSE TRA ENZA E RENO (SECOLI XIII-XVIII), a cura di Franco Cazzola

  12. cesare casati ha detto:

    Caro giorgio,
    sai che ti stimo e ti voglio bene e proprio per questo leggo ( con fatica ) le tue esternazioni a brigli sciolta. Credo che un personaggio della tua cultura e tua intelligenza dovrebbe esprimersi solo nella lingua italiana e non in un miscuglio alla Camilleri che deprime la comunicazione e i contenuti.
    Pensa se io ti scrivessi in milanese….. Sono tradizioni linguistiche che sanno molto di Lega e non degne di noi.
    con un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.