TRA LE ANGUSTE MAGLIE DELLA “BLOGCRITIC” …

Schermata 2013-01-21 a 20.19.04

Franco Purini su: RIANIMAZIONE ZEN …

“Gentile architetto Matteo Tusa,
credo che nel breve spazio concesso dalla “blogcritic” non sia possibile affrontare con la dovuta ampiezza un tema come quello dello Zen. Le comunico comunque, se non lo sapesse, che il nostro progetto di concorso prevedeva una piazza sulla quale si affacciavano i servizi, un mercato, un centro sociale e culturale, una chiesa. Inoltre avevamo proposto una zona industriale con spazi per l’artigianato. Il quartiere era anche dotato di attrezzature per lo sport. Nulla di tutto ciò è stato realizzato. Per di più gli alloggi non furono consegnati ai leggittimi assegnatari ma si permise che fossero occupati da chi non aveva diritto. Con tutte le conseguenze che ciò ha comportato. Penso che queste vicende abbiano avuto un ruolo determinante per la vita dello Zen. Per quanto riguarda il costo della Casa del Farmacista, ricordo che esso fu in linea con quello delle altre case allora costruite a Gibellina.
Cordiali saluti
Franco Purini

Schermata 2013-01-21 a 20.18.20

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

5 risposte a TRA LE ANGUSTE MAGLIE DELLA “BLOGCRITIC” …

  1. filippo de dominicis ha detto:

    mi ricordo una volta un video proiettato in aula magna a valle giulia, una breve intervista a tre voci: Giancarlo De Carlo sul villaggio Matteotti, Vittorio Gregotti sullo Zen, Carlo Aymonino su Gallaratese. Tralasciando Aymonino, mi colpi molto la divaricazione di pensiero tra Giancarlo De Carlo (perché il suo quartiere oggi “funziona”, la domanda suonava più o meno cosi…perché non sono mai stati realizzati i servizi, rispondeva De Carlo) e Vittorio Gregotti (ma perché il suo quartiere é un disastro, oggi, la domanda suonava più o meno cosi…perché non sono mai stati realizzati i servizi, rispondeva Gregotti)…
    All’epoca ero al terzo anno, uscii tutto contento dalla proiezione pensando: “che bello non ci capisco un xxxx”! Il bello é che dopo otto anni, ogni volta che mi ritorna in testa quella intervista, continuo a pensarlo…!

  2. matteotusa ha detto:

    Egregio Arch. Purini,
    ma chi fece la Direzione Lavori dello Zen 2 per conto dello IACP di Palermo?
    Cordialmente
    Matteo Tusa

    P. S. So che il costo della Casa del Farmacista non fu affatto in linea…ma non importa!

  3. Pingback: LE COLPE? … SEMPRE DI QUALCHE ALTRO … « Archiwatch

  4. memmo54 ha detto:

    Che il disastro dello Zen come del Corviale o delle Vele vada addebitato al fatto che sia “male abitato” sembra, sinceramente, troppo ! E’ più probabile e veritiero forse, pensare che questi quartieri, questi edifici, siano “mal pensati”.
    Oltrechè per la mesta architettura che riunisce, ostensibilmente, la tristezza ed il grigiore del viadotto autostradale la numerata divisibilità del magazzino e l’aspetto generale di casa circondariale, anche, e soprattutto, per l’improbabile vita da pollaio immaginata in essi; appena mitigata dai cosiddetti servizi ed attrezzature (..l’ora d’aria…)e sotto la regia di uno scolastico mantra “culturale” diffuso tramite mostre ed iniziative: gli abitanti avrebbero dibattuto della “recherche” fumando la pipa nei centri sociali per poi recarsi in fabbrica riflettendo sullo gnosticismo delle origini . Mah !
    Non so dove l’abbiano letto o quale perfido intellettuale o politico ( …il compagno etiope…forse…) abbia suggerito ciò, pur tuttavia non era difficile intuire che si trattava di sciocchezze … inadatte ed inopportune perfino a falansteri di 50 piani costruiti per borghesi istruiti e ben catechizzati.
    Ma è abitudine inveterata degli architetti moderni pensare poco e facile, possibilmente in grande (.. troppo grande…) e poi coprire alla buona le inevitabili magagne giustificando le perplessità con argomenti vani ed ovviamente inattendibili.
    Vanno considerare tutte le possibilità che si prospettano: che altri modifichino o semplifichino; che una parte non sia eseguita, che si usino materiali differenti… che si possa utilizzare in altro modo, in altre epoche. Alla fine di tutte le sottrazioni il progetto deve avere comunque un significato evidente.
    Probabilmente i lager mostrati sarebbero accolti diversamente (… anche senza i servizi…) da operai e pensionati ternani già piegati all’obbedienza da 100 anni di lavoro in fonderia ma la sana anarchia dei sottoproletari romani, napoletani o siculi ha reagito e reagisce ancora con disprezzo alla vis concentrazionaria latente nelle classi dominanti .
    Il dramma è che non si aveva ( …ed a quanto leggo non si ha ancora…) la minima ragionevole idea di quale sia il significato dell’architettura; quale mistero di vita debba comunicare, cosa sia in grado di rappresentare e perché .
    Dopo aver rinunciato, programmaticamente, ad ogni strumento condiviso potranno le stecche razionalmente ordinate ed il torroni ben accostati ai panettoni, i cubi o le superfici “stupefacenti” sostituire il paesaggio urbano condensato da secoli ?
    Si rimpiangono, in queste circostanze, la fragranti estemporaneità dei cori assembleari anni settanta che, a ritmo dell’organino, rampognavano le sciocchezze degli oratori:
    …raccontacene n’altra che questa n’ce piace !
    gira la manovella delle ……

    Saluto

  5. Pingback: “Raccontacene n’altra” … « Archiwatch

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.