IL BECCO GIALLO …

 

Da Pietro Pagliardini: …

“Caro professore

intervallare la fatica di sopravvivere a questa crisi e a questo governo di ottimati che hanno tassato proprio tutto (ogni giorno si scopre ahimè un nuovo balzello e questo poteva farlo anche un Prodi qualsiasi) con un po’ di allegria e di spirito goliardico non può che aiutarci a sostenere il sovrumano sforzo.
Per questo mi permetto e mi pregio di segnalarle un video cui io ho apportato solo il cellulare e il “montaggio” ma il cui protagonista è un amico architetto, Antonio Bigi da Castiglion Fiorentino, dotato di una innata vis comica oltre che di idee ben precise sulle leggi e su quella toscana in particolare. L’ho colto in gran forma una gelida mattina di quelle successive alla nevicata, lungo il corso a Cortona, in uscita dalla Commissione Paesaggio, di cui ci pregiamo di fare parte per giudicare, ultimamente, nuovi gazebi e riaperture di porte a suo tempo murate: 1.500 euro di opere e 3.000 di “progettista”, oltre che qualche migliaio di pubblica amministrazione.
Mi sono indebitamente appropriato per i titoli di testa del marchio “Il Becco Giallo”, già rinomato giornale satirico ai tempi del fascismo e adesso foglio clandestino distribuito via mail (però regolarmente pubblicato sul sito http://www.informarezzo.com) da altro collega aretino anonimo, ormai circondato da stormo di altri pennuti collaboratori quali Passero solitario, Gazza Ladra, Gufo Reale, Chiurlo, Sparvieroincazzato, che nei suoi voli sui cieli di Arezzo ha preso di mira il nuovo PRG con piglio satirico degno del Vernacoliere e ormai conosciuto da molti architetti toscani quale divertente e feroce fustigatore dell’urbanistica leguleia e inconcludente della nostra bella ma infrenatissima città. Una vera guida spirituale, una luce di speranza, un faro per architetti, ingegneri, geometri e murativi aretini in genere.
Questa spiegazione era necessaria per inquadrare il tutto.

InformArezzo – Arezzo in 10 minuti: l’urbanistica ai saldi di fine

Cordiali saluti
Pietro

 

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

6 risposte a IL BECCO GIALLO …

  1. Alessandro Cinelli ha detto:

    L’urbanistica Toscana e quella Aretina sono su Archiwatch!!

  2. Pietro Pagliardini ha detto:

    Caro professore, la sua velocità è a dir poco degna di un falco in picchiata sulla preda, per rimanere nel campo dei pennuti.
    Se volesse aggregarsi allo stormo di rompiballe non ha che da chiedermi la trasmissione delle Norme del Regolamento di Urbanistico, cosa già in sè non semplice chè, data la mole, richiede comunque una Jumbo mail. Poi lei se le legge e quando avrà finito sarà ormai decano della Sapienza (nel frattempo noi, se non lo cambiano, saremo però morti di inedia e di fatica).
    A quel punto però dovrebbe anche capirle e, senza offesa veruna alla sua intelligenza, mi creda, sarebbe colto da emicrania bilaterale che al confronto dovrebbe invidiare Andreotti.
    Quindi così come gliel’ho incautamente suggerito, glielo sconsiglio.
    La legge toscana invece non necessita di invio, dato che a far capire l’antifona è più che sufficiente l’amico Bigi da Castiglion Fiorentino, non a caso paese che ha dato i natali a Roberto Benigni.
    Nel mio piccolo ho creato un motto in conseguenza di questo video (primo di una serie che adesso è alla seconda puntata ma altri ne sta già partorendo la fertile mente del castiglionese), dovuto alla comune (mia e del Bigi) e lontana provenienza politica, scaturita senza dubbio alcuno dal ’68: meglio l’allegria dell’ideologia. Non passerò alla storia per questa frase però, come diceva Totò, a me piace.
    Grazie
    Pietro

  3. Simone ha detto:

    Professore, ma l’ha vista la puntata di Daverio su Mario Botta?

    Il vulcanico ex-gallerista (che resta comunque uno dei pochi motivi per cui continuo a pagare il canone RAI) ha una predilezione tanto consolidata quanto inspiegabile per il Maestro che fa cantine che sembrano chiese e chiese che sembrano cantine (lo ammetto, ho il dente avvelenato per il Santo Volto di Torino), sarà perchè sono quasi conterranei?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.