Mezzo secolo … per perdere Firenze …

Come salvare Firenze … da Detti … a Ligresti

Tom Muirhead che, evidentemente, conosce la vicenda fiorentina molto meglio e da più tempo di noi, … così commenta le tristi, ultime, vicende …

“La triste vicenda fiorentina risale al lontano 1962 quando il grande, idealistico, visionario ma forse ingenuo Edoardo Detti (il quale fu il primo ad insegnarmi come fare l’urbanista) preparò il Piano Regolatore di Firenze, salvando le colline dalla speculazione e prevedendo una “ciudad lineal”, una direttrice di sviluppo verso ovest, lungo la piana che va verso Prato. Se non ché, immediatamente, tutti i terreni (allora agricoli) sono stati acquistati dai privati (al prezzo di terreno agricolo). 45 anni più tardi, da modifica in modifica, concorso in concorso, giunta in giunta, trovata in trovata, i terreni finiscono in mano a Ligresti, e questa “grande operazione urbanistica” finisce nelle solite squallide lotte di campanile che, da sempre, a Firenze, rendono impossibile prendere e poi implementare qualsiasi decisione strategica in campo urbanistico. La vera vittima della faccenda non è l’Assessore Cioni né il sindaco che cerca di salvarsi la faccia (chi se ne frega di loro?) ma Firenze. L’unica area sulla quale Firenze può contare per avere un futuro è quella che a tutt’oggi rimane saldamente in mano a Ligresti; lo sviluppo urbanistico di Firenze non dipende dalla scienza urbanistica, ma dal profitto privato che ne potrà ricavare Ligresti. Unica soluzione: l’esproprio. Sennò, mi fa paura pensare a dove Firenze andrà a finire.”
T.M.

Ma mi sa che la via dell’esproprio … di questi tempi …

forse … resta solo la paura …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.