Auguri … dai tropici …

riceviamo da Federico Garcìa, che ci scrive da Tenerife …
e volentieri vi giriamo …

Estimado profesor Muratore:
Compruebo que en todos lados ocurre lo mismo. Es la globalización!!!
El dinero y los recursos siempre van a los mismos fantoches que encandilan a políticos y otras almas piadosas.
Es lo que llano el síndrome del Traje del Emperador como aquel cuento que nos leían de pequeños. La venta de humo siempre tiene compradores.
Me gustaría que viera y me diera una opinión sobre mi reflexión de esta semana en
http://islasterritorio.blogspot.com/2007/12/la-invasio-de-la-arquitectura-siniestra.html
Comento algo similar.
Feliz Navidad desde el Trópico!!”
F.G.

Grazie Federico … tutto il mondo è paese …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Auguri … dai tropici …

  1. Davide Cavinato ha detto:

    Mi accodo…auguri di sereno Natale e felice 2008 al prof. Muratore e a tutti gli astanti del blog

    Davide Cavinato

  2. Arem ha detto:

    Gent. prof. Muratore,
    le formulo i miei più semplici ma veri auguri di un sereno Natale 2007.
    Grazie per averci deliziato con il suo blog anche quest’anno.

  3. Federico García ha detto:

    Por un mejor año 2008, en el que todos contribuyamos a atenuar la injusticia.

  4. marco ha detto:

    buona pascua e h.n.y.

  5. pinello ha detto:

    Caro Giorgio,
    Auguriamoci di vedere anche in Italia una Università al livello di alcuni paesi che recentemente in Europa ci hanno superato. Gli studenti, anche nostri, blogghisti e non, devono smettere di compiangersi e lamentarsi, ma facciano qualche sacrificio, – come abbiamo fatto noi -, e si mettano in viaggio di studio e di conoscenza. Così eviteremo di leggere esternazioni penose, critiche gratuite, presuntuose, da parte di blognauti che consigliano – quale lettura recente – ” From Bauhaus to Our House ” di Tom Wolfe, scritto e pubblicato in USA nel 1981 !!! Mr. Wolfe è il dandy, Yale ph.d. giornalista e critico – da diversi decenni new yorkese – che aggrediva sui suoi ” bestsellers ” ” l’ establishment radical scic “, il mondo di wall street, il potere di curatori dei musei, collezionisti, galleristi e critici d’arte. Sempre provocatore, al limite di un facile nichilismo, i suoi libri ed articoli lo hanno reso ricco e famoso non soltanto a new york.

    vgberti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.