Italia “in vendita” … liquidazioni … “modello” Fintecna …

da “Appalti e Concorsi” del 11-04-2007
“64 cordate interessate all’ultima proposta di Fintecna Immobiliare”

“… A gara la possibile collaborazione con Fintecna, la società immobiliare controllata al 100% dalla Spa del Tesoro, per la messa a reddito e l’offerta sul mercato di una serie di immobili, acquistati dal Tesoro negli ultimi anni. Al bando scaduto lo scorso gennaio, delineante la prima fase, la manifestazione dell’interesse, hanno concorso 64 cordate, per un totale di 114 manifestazioni; tra i nomi spiccano anche quelli noti di Ligresti (per Immobiliare Lombardia), dei fratelli Toti, Caltagirone e Monte Paschi (per Fabbrica Immobiliare Sgr), il gruppo Maccaferri, Sorgente Sgr, Pirelli Re, Aedes, Risanamento di Zunino, Immobilgest. Interessanti le cordate formate da Bonifica con Colony Capital e Condotte; Lehman Brothers, Fimit e il gruppo di immobiliaristi Santarelli; Morgan Stanley, Codelfa e Seci Real Estate. 5 i lotti per cui concorre la maggioranza. Altri nomi di rilievo hanno preferito indirizzarsi verso alcuni lotti specifici, ad esempio Galotti, Coopsette, Hines Italia, Deutsche Bank, Techint, Tishman Speyer, European Real Estate, Carlyle European Real Estate, Babcock Property, Maire Engineering, Merrill Lynch, Meunier Immobilier d’Entreprise. L’interesse dimostrato è pari al valore degli immobili in gara, tra i 19 immobili, suddivisi in 5 lotti, figurano, infatti: a Roma l’ex Poligrafico di Piazza Verdi e l’Istituto Geologico di largo Santa Susanna, Palazzo Litta a Milano, il megacomplesso di Segrate (600mila metri quadri) ed il Palazzo del Lavoro a Torino. Oltre ad aree edificabili a Roma, Milano, Asti (su suolo ex militare), la Colonia marina di Cervia e gli ex manufatti per la lavorazione del tabacco di Perugia e Tortona. A richiamare, dunque, nomi di prestigio, non solo la qualità degli immobili in oggetto, ma anche la possibilità di vincere il bando per tutti i 5 lotti con la miglior offerta. La preferenza, per chi ha deciso di non concorrere per la totalità dei lotti, spetta a Milano e Roma. Il 6 aprile scorso si è chiusa anche la seconda tappa della procedura, la presentazione delle offerte non vincolanti. Fintecna precisa che la collaborazione con il/i privato/i che si aggiudicherà il bando rimarrà attiva per tutto il tempo necessario alla riqualificazione e alla vendita dell’area, secondo il “modello Fintecna”, già sperimentato negli interventi Quadrifoglio (sulle manifatture di tabacchi ex Eti) e Alfiere (demolizione e ricostruzione delle torri dell’Eur).”

Per chi non lo sapesse:
“Fintecna è stata costituita nel 1993 con il compito di ristrutturare e privatizzare le attività dei settori delle costruzioni, dell’ingegneria civile e impiantistica facenti capo all’IRI …
Nel dicembre del 2006 Fintecna ha trasferito, con efficacia 1 gennaio 2007, alla società controllata Fintecna Immobiliare, il ramo d’azienda immobiliare comprendente anche le partecipazioni azionarie detenute in società di valorizzazione immobiliare …
Fintecna Immobiliare, rappresenta, pertanto, una nuova realtà del Gruppo Fintecna appositamente costituita per operare nel settore Real Estate ed avente per oggetto prevalente la valorizzazione urbanistica e commerciale di beni immobili anche mediante la realizzazione di interventi di recupero, di riqualificazione, di ristrutturazione e trasformazione urbana …

ma se lo “Stato” si mette a speculare su se stesso …
a parte un vago odore di conflitto di interessi …
e un certo tanfo da “modello” IRI … Italstat … Metropolis …
chi controllerà i controllori?
soprattutto in presenza di rilevanti interessi “culturali”?

perché devastare il Museo Geologico, il Poligrafico e la Zecca …
e poi radere al suolo anche il Velodromo e le “Torri” dell’Eur? ..

quali “valori” … lo Stato (ammesso che ancora esista …), deve salvaguardare?

P.S. … solo per fare due esempi:

… le collezioni del Museo Geologico sono di un’importanza straordinaria … che fine faranno? … anzi, che fine hanno fatto? …
… l’edificio della Zecca, una delle opere più significative di Roma-Capitale ospita al suo interno la Scuola dell’Arte della medaglia … nel suo campo e da secoli, una delle istituzioni più prestigiose a livello mondiale … che fine farà? …
le “monete”, che sembrano godere di buona salute, …
qualcuno dovrà pure continuare a progettarle …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Italia “in vendita” … liquidazioni … “modello” Fintecna …

  1. CESARE VILLA ha detto:

    CISONO VOLUTI I VERDI (MA ROSSI) PER COSTRUIRE QUESTE MONNEZZE A ROMA

  2. Andrea Di Loreto ha detto:

    Selling Italy by the pound… Anzi no, by the monnezza…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.