UN CERTO RIGORE ARCHITETTONICO …

204801392-3d674a26-a823-4190-a4e7-368ef17c0595

In risposta a JE POTREMMO DA’ LEZIONE …

ettore maria mazzola ha detto:

Tranne il Palazzo del Parlamento Rumeno che, sebbene eccessivo, almeno mostra un certo rigore architettonico, definire “bellissime” le altre opere è davvero inappropriato. Certo che mancano le varie opere mostruose (e mostruosamente costose) realizzate e/o incompiute a Roma da personaggi come Calatrava, Fuksas, Purini, Desideri, Meier, Zaha Hadid, e compagnia bella, così come mancano gli abominevoli scarafaggi romani e l’astronave parigina di Piano

Buon Anno”
Ettore

…………………

Eccessivo? …

mica tanto …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura, Archiwatch Archivio. Contrassegna il permalink.

11 risposte a UN CERTO RIGORE ARCHITETTONICO …

  1. ettore maria mazzola ha detto:

    son felice del suo dubbio!

  2. Maurizio ha detto:

    Un monumentalismo inguardabile diventa ” un certo rigore architettonico ” ?

  3. zabriskie ha detto:

    Fa più danni un monumentalismo inutile o un innocuo Calatrava?

  4. Luther rigoroso Blissett ha detto:

    Pe’ certa ggente basteno du’ archi in fila pe’ diventa’ “rigorosi”.

    Rigoresse oblige.

  5. Maurizio ha detto:

    Detto che il monumentalismo nella modernità e’ stato sinonimo di danno sempre, Calatrava non è mai innocuo.

  6. Antonio Pagliuca ha detto:

    caro mazzoli, mettere a paragone le gigantesche mostruosità dell’articolo di repubblica e le cacatine (in senso sia architettonico che volumetrico) fatte a roma da meier, purini e desideri mi pare oltre che poco onesto intellettualmente anche vagamente tendenzioso.

    • Andrea Di Martino ha detto:

      a parte er fatto che nun è Mazzoli ma Mazzola (de nome e de fatto), la monumentalità non è necessariamente legata alle dimensioni (basta mette ‘na baracca su un podio e zacchete: già ne scaturisce un monumento; questo per dire che qualsiasi imbecille può erigere un monumento; il problema è capire cosa rappresenta), ma il fatto saliente è che le opere romane di Meier, Purini e altri, sono quanto di più tronfio si possa immaginare, giacchè, attraverso di esse, gli architetti non hanno fatto altro che erigere dei monumenti a se stessi.

      • Antonio Pagliuca ha detto:

        Ma infatti chi ma mai parlato di monumentalità!? Di certo non io e sicuramente non il Mazzolatore che è troppo intelligente per cascare in questioni di lana caprina come quella sulla monumentalità degli edifici.

  7. Pingback: ARCHITETTI E MONUMENTI … A SE STESSI … | Archiwatch

  8. Pingback: ARCHITETTI E MONUMENTI … A SE STESSI … | Archiwatch

  9. Maurizio ha detto:

    Infatti Mazzola non lo chiama monumentalismo ma rigore architettonico. Ma è monumentalismo. Anche un po’ caprino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.