PIU’ “BUZZURRI” … CHE “CAFONI” …

travettopoliPietro Pagliardini su: SECESSIONE ROMANA …

“E’ la bellezza…. di queste case popolari!
Guarda che ingresso e che cancellata! Una sola di queste vale mezzo appartamento delle popolari di oggi. Che cosa è accaduto nel frattempo per giustificare tanta stellare differenza?
Saluti
Pietro

………………

Ettore Maria Mazzola commented on: SONO LE “CASE… su SECESSIONE ROMANA …

“Quadrio Pirani per me resta un mito … queste però sono case dell’IRCIS, ovvero per gli impiegati dello Stato e non popolari, anche se costruite dall’ICP che, all’epoca, era ancora una florida azienda impegnata in concorrenza leale nel processo edilizio, sì da esser lontana da quel ramo secco che di lì a poco sarebbe divenuto a causa dell’interesse rivolto esclusivamente alle imprese private

…………….

Ettorì …

quanto sei sofistico …

ICP … IRCIS …

case “popolari” …

nun “popolari” …

ma quanti cazzi …

erano comunque morti de fame …

solo che lavoraveno pe’ lo Stato …

embè hai detto cotica? …

nun ereno certo li “proletari” de Testaccio …

li facchini de’ Mercati Generali …

der Mattatojo …

der Gazometro …

der Porto Fluviale …

questi lavoraveno ar Ministero …

c’ereno meno “cafoni” …

c’ereno più “buzzurri” …

ma mai ‘na lira lo stesso …

‘n parente mio …

manco tanto lontano …

che c’era finito durante ‘a guera …

ma che era ‘n signore “laureato” …

appena ha potuto se n’è fujto via …

le scale puzzaveno de’ li broccoli de la portinaja …

l’amici je dicevano che abbitava a “Travettopoli” …

e così s’è fatto ‘a casa de cooperativa …

co’ professionisti e li professori amici sua …

oggi in quella stessa casa …

proprio quella …

ce stanno li radical-chic …

l’artisti …

li mejio paraculi de Roma …

sai quanto je rode a quello …

ma tanto è morto …

sai quanto je ne frega …

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

2 risposte a PIU’ “BUZZURRI” … CHE “CAFONI” …

  1. ettore maria mazzola ha detto:

    professore, lei ha ragione e condivido il suo pensiero.
    Avendo scritto 4 libri su certi edifici ed architetti e conoscendo il fatto che qualche “ben pensante” potrebbe sostenere la differenza tra le tipologie, mi è parso utile farlo notare in partenza.
    Per il resto a quell’epoca sappiamo molto bene che si mirava all’integrazione piuttosto che alla ghettizzazione della gente … a quell’epoca erano molto più civili di noi “evoluti”.
    E’ a quel periodo che dico sempre che dovremmo riallacciarci per ricominciare da dove ci siamo fermati.

  2. filippo de dominicis ha detto:

    Effettivamente a guardare quel che hanno combinato al Tufello oggi quelli dell’ATER…ma le cose un po’ nascoste restano ben custodite.via degli Orti d’Alibert resta ancora oggi una bella lezione. Morpurgo, mezzo romano e mezzo ticinese, era bravo davvero (sempre sia lui il progettista).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.