MAXXIDELIRIO …

http://www3.lastampa.it/arte/sezioni/news/articolo/lstp/226782/

“Roma,

le regine del contemporaneo …”

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

4 risposte a MAXXIDELIRIO …

  1. paolo di caterina ha detto:

    Aita , aita!
    ma c’è qualcuno che sappia ancora riconoscere lo specifico dell’architettura?

  2. manuela marchesi ha detto:

    Mi fa specie de “la Stampa” che di solito fa commenti notevoli.
    Senza tanti giri di parole dico: ma come si fa a conciarsi a quel modo? Quale messaggio vogliono veicolare le Signore col loro aspetto? Una Dark e l’Altra Fluida, la platealita’ dell’Eterno Femminino?
    Per carita’, il fatto in se’, del come ci si veste, è irrilevante; il fatto che le donne siano fiere e consapevoli del loro lavoro è una conquista ancora incompleta quanto necessaria alla società tutta.
    Ma se l’aspetto e il “look”, e il fatto che siano delle donne, serve a far leggere le loro architetture in chiave “fluidità e morbidezza femminile” o in qualunque altra chiave, allora non mi diverte piu’, anzi come donna mi secca vedere la creazione di nuovi stereotipi del femminile.

  3. Cristiano Cossu ha detto:

    Penso che solo Dagospia potrà “raccapezzarcisi” con queste due qui :-)

  4. nov-ES ha detto:

    Benché come coppia sanremese potrebbero far sfigurare anche il duo Bertè-Rettore, sono due artisti veramente geniali… non so che tipo d’archetipo del Femminile rappresentino… Chissà…

Rispondi a manuela marchesi Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.