SAVERIOMURATORIVITTIMADEIPUPAZZARIROMANI … DIERIEDIOGGI …

“… avevo cominciato a vederla nella pratica della città; cioè in quei famosi rilievi (non so se sapete) che abbiamo fatto a Venezia e che hanno dato luogo ad un certo criterio di guardare la città attraverso lo studio del tessuto urbano, dell’ambiente reale dell’edilizia, che mi sembra un fatto molto importante. Venuto a Roma io non ho fatto altro che seguitare per questa strada — una strada molto lunga, con­dotta avanti faticosamente anno per anno.

Voi pensate che io sia rimasto fermo a certe formule per­ché le vedete dall’esterno; molti le vedono dall’esterno. Invece noi abbiamo camminato su queste cose, abbiamo visto crescerci sotto gli occhi una certa realtà, abbiamo scoperto che era la vera realtà, quella che cercavamo e che invece — camuffata entro cristallizzazioni teoriche — si perdeva.

Veniamo da un secolo — l’Ottocento — in cui l’astra­zione analitica ha diviso veramente i fatti della vita; noi invece, da architetti, abbiamo bisogno di farla vivere in­sieme questa vita; io, venuto a Roma, ho cercato di appli­care questo criterio. Naturalmente non la sapevo tanto lunga; è stato un esperimento — ho cercato di sviluppare questo concetto che avevo acquisito a Venezia e di portar­lo nella pratica della progettazione.

Ed allora è venuto fuori tutto un programma che penso sia proprio quello che serve. Si tratta di portarlo più avan­ti, si tratta di portarlo su un piano più fortemente operan­te, ma è questo, in sostanza. Cosa ho fatto qui a Roma? Mi sono trovato in una . scuola di pupazzari, in una scuola che non aveva altro in testa che f are dei divi dei nuovi virgulti che tirava su — tutti quanti nel senso del bel di­segno e, qualche volta, del successo commerciale, cioè del luogo comune convenzionale. Visto che il quadro conven­zionale non funzionava e che non mi interessava minima­mente, anzi che deprecavo veramente i risultati pupazzetti­stici che erano smerciati nella nostra professione, ho cer­cato di reagire.

Non bisogna dimenticare che gli orrori — dal punto di vista non solo architettonico ma edilizio — che noi vedia­mo, son in gran parte frutto delle scuole d’architettura: è la verità, no? Sentendomi questa responsabilità sulle spal­le ho cercato di fare qualcosa contro: ho raccolto, secondo non solo le mie convinzioni ma tutte le buone convinzioni che circolavano nell’ambiente, gli sforzi contro i progetti­ni personalistici. La lotta contro i luoghi comuni, la lotta contro le cristallizzazioni teoriche già fatte, permettete, l’ho fatta io a scuola: e non è stata capita.

Questo è un famoso dramma che esiste, e che è bene sappiate. Può essere che io sia stato un cattivo politico …

Saverio Muratori, “Discorso del Roxy“, 1963

CENTENARIO MURATORI ROMA

povero Saverio …

ieri …

vittima dell’ideologia e della chiacchera …

oggi …

ancora ostaggio della cosca di San Luca …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.