L’autorevole … segno metropolitano …

segnometropolitano

Eurosky è l’autorevole segno metropolitano della grande narrazione architettonica romana” F.P. L.T.

… … …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

10 risposte a L’autorevole … segno metropolitano …

  1. maurizio gabrielli ha detto:

    Sono andato nel punto vendita e oltre a tutto questo è anche meno costoso di qualunque altra porcheria recente o in costruzione, in giro per Roma. Credo che mi comprerò 80mq al 15° piano !

  2. sergio 1943 ha detto:

    Il cubo….. il parallelepipedo……Costruisce cose più interessanti la mia nipotina quando mette uno sopra l’altro i cubetti, i parallelepipedi, l’archetti in legno colorati in giallo, rosso e blu che ha ricevuti in dono l’ultima Befana. OK! Questa volta ho esagerato ma, come diceva Alberto Sordi, Marchese del Grillo, a Riccardo Billi, falegname giudio, “posso esse’ ‘n pò ‘ncazzato” che, mentre sale al cielo l’amorfo ritmo di finestre dell’Eurosky, vengono demolite, poco più in là, l’armoniose torri dell’ex Ministero delle Finanze? Poi c’é il problema sommo! Come deve terminare uno skyscraper? A punta come il grattacielo alto un miglio di F.L. Wright? A punta come il Chrysler Building e l’Empire State? Piatto come il Seagram Building di Mies e il Pan Am di Gropius? Ma no! Deve terminare con un enorme pannello solare, inclinato sapientemente in base a latitudine e longitudine! Oggi forse, traguardato in base all’esigenza di sfruttare le energie rinnovabili, é anche giusto! Però penso che avesse risolto più elegantemente il tema, in tempi non sospetti, Pellegrin con il suo urbatetto, ora destinato, come le torri dell’Eur, alla demolizione.

  3. maurizio gabrielli ha detto:

    Tremendamente vero. Incantevole ! Davvero. Tranne che per l’amorfo ritmo di finestre…..Non sono finestre e non è un amorfo ritmo. Tutt’altro.Quì è veramente l’occhio a difettare e difronte a ciò mi arrendo. Non si può spiegare e forse neanche insegnare. O lo si ha o no.

  4. alfredo ha detto:

    i nostri risparmi (o meglio di chi aderirà al consiglio per l’acquisto) prendono il volo, come l’eroe tragico di paul klee con una sola ala.

  5. salvatore digennaro ha detto:

    Oltre il grattacielo c’è di più, ovvero il “Business Park Europarco”.
    E’ un grossissimo intervento urbano, “..una nuova centralità urbana..” che fa girare la testa, almeno a noi della provincia appulo-lucana.
    Sinceramente di fronte alla dimensione dell’intervento non riesco ad esprimere un giudizio sulla qualità della “torre Purini-Thermes”.
    Non posso fare a meno di pensare alla grande disparità di occasioni professionali che c’è tra gli architetti di città come Roma o Milano e quelli della sperduta provincia meridionale. Sarò banale ma è stata la mia prima riflessione.
    Per saperne di più ..http://www.urbanfile.it/index.asp?ID=3&SID=63

  6. sergio 1943 ha detto:

    “Tu chiamale se vuoi….bucaturee! Oppure se tu vuoi…falansterio!”
    (liberamente tratto da Lucio Battisti)

    “Mi ritorna in mente, brutta come sei, forse ancor di più..ùùù!
    Mi ritorna in mente Tor Bella Monacà, amorfa che sei tu…uuu!
    …………………………………………………………………..
    All’improvviso ho chiesto che cos’é, che cos’è..éé?
    Tanti buchi, ho visto tanti buchi sul tuo viso,
    la forma poi dissolversi nel ventoò,
    ricordo, so’ sbiancato in un momentoò
    ……………………………………………………………”

    (liberamente tratto da Lucio Battisti)

  7. Daniele ha detto:

    Squadrata, troppo semplice.. un enrome palazzo popolare pare.. siamo nel 2009 ..forme piu’ tondeggianti e cristalliformi dovrebbero essere il top.. ma non questo obbrobbio moderno!!

  8. pierpaolo valori ha detto:

    Ci mancherebbe altro, caro daniele! che forme tondeggianti e cristalliformi . Spesso due torti non fanno una ragione.

  9. caterina ferraro pelle ha detto:

    il più bell’ingresso a Roma deturpato. Il palasport manomesso, trasportato nel mondo dei giochi di Stato “Palalottomatica”, un centro commerciale inguardabile, ed ora anche il solito, dozzinale, scatolone multipiano. La nostra cultura sprofonda nelle fogne di centinaia di parallelepipedi.

  10. manuela marchesi ha detto:

    C’è una classe dirigente e una mentalità corrente vecchia non certo per soli dati anagrafici, ma per criteri di pensiero.
    Anche queste operazioni “creative”, (ma soltanto speculative) lavorano nella direzione di azzerare il senso di ciò che la contemporaneità esige a gran voce.
    La contemporaneità chiede di tenere conto dell’impatto ambientale innanzitutto, altrimenti sono guai seri per tutti, in una rincorsa dissennata all’aria condizionata per combattere clima e aria perfidi.
    E poi la contemporaneità esige la protezione di quanto si è salvato dalla corsa al mattone, che invece sta ricominciando voluta da governanti che imperano a ghiribizzo e uso del consenso.
    L’informazione latita, la corsa al facile guadagno se ne giova alla grande, e si costruiscono oggetti architettonici per soddisfare una bulimia di agire, la gente “del fare”, “facimm’ ‘a ‘mmuina”, dando pallide speranze e tartarughine volgari a chi ci crede o crede per convenienza a un lavoro e a una casa.
    Poche fonti informano che le case ci sono, e sono vuote in attesa che il mercato possa riassorbirle.
    La storia è antica, anni ’70, quando a Roma ci fu la cacciata degli storici abitanti dal centro. Il Comitato di quartiere censì case di enti sfitte da anni, buone per gli sfrattati, ma come si è visto, non ci fu niente da fare.
    Nessuno ha mai tassato le case sfitte, e non si è agevolato l’affitto: tutti proprietari ! e via!
    Adesso forza con le operazioni da copertina! Tanto il senso della bellezza, intesa nel più profondo del significato, è sparito dai sentimenti fondamentali e dalla cultura corrente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.