A piazza Pitagora c’è un esempio. In via Lima ce n’è un altro. Ancora un altro a Coppedè, in via Ticino, in cantiere..

A piazza Pitagora c’è un esempio. In via Lima ce n’è un altro. Ancora un altro a Coppedè, in via Ticino, in cantiere. Edifici figli non di progettisti architettonici (che non me ne vogliano, non è diretta a loro), ma di progettisti finanziari, cui gli enti deputati ad approvare i progetti strizzano l’occhio.

Non alludo a fenomeni di corruzione, non voglio mal pensare e non intendo essere male inteso. Intendo porre l’accento sulla posizione che Soprintendenza (ove chiamata in causa) e uffici tecnici scelgono di tenere nei confronti del potere finanziario che gestisce i casi di sostituzione edilizia in città.

Un ente che approva o boccia un progetto edilizio dovrebbe non limitarsi ai soli aspetti tecnici ed amministrativi, ma valutare anche la forma delle proposte. E la forma, quando vuole essere innocua per ”integrarsi nel contesto”, diventa nociva. L’uso di geometrie consuete, materiali neutri, colori ricorrenti, non fa che inseguire un allineamento impossibile tra il nuovo e il vecchio, in nome di una povertà culturale non intesa come ignoranza o imperizia, ma come scelta di non osare. Non vi sarebbe stato il barocco se avesse prevalso il tentativo di allinearsi all’architettura del rinascimento. Non sarebbe esistito il liberty se avesse vinto l’emulazione dell’architettura neoclassica.

Qualsiasi impeto – un materiale di facciata all’avanguardia, uno spartito inaspettato delle aperture, una azzardata geometria dei volumi – sarebbe sufficiente per aprire un confronto e promuovere nuove idee, cioè sognare il futuro. E invece questi edifici risultano così tanto anonimi da non far muovere, dalle nostre pance, neanche un commento. Restiamo tutti nascosti dietro una banalissima consolazione, tanto à la page: è green.

Riccardo Freda

Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

4 risposte a A piazza Pitagora c’è un esempio. In via Lima ce n’è un altro. Ancora un altro a Coppedè, in via Ticino, in cantiere..

  1. Maurizio ha detto:

    Si, ma non è questa l’estetica della finanziarizzazione del mondo ? Certo che è così.

  2. Stefano Nicita ha detto:

    Lo spunto è molto interessante anche se mi sembra si tratti di casi un po’ diversi, sia dal punto di vista urbano cioè relativo a cosa hanno sostituito, sia del risultato architettonico. L’edificio di Piazza Pitagora comunque tempo fa mi aveva ispirato un confronto un po’ triste… https://www.facebook.com/Dov%C3%A8-larchitettura-italiana-252956791457650/insights/?section=navPosts

  3. Stefano Nicita ha detto:

    Scusatemi ma il link era sbagliato, ecco quello giusto https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=2129179793835331&id=252956791457650&xts[0]=68.ARDF1Aj34mhXZZ3HPRz_tw_Uyh478hPi5WlIYxYy1XCzCtgAdHVKDkYN5fK-KxrC5S8nViD77Da8AxMiRGm1bM5O2g0GVR0S5F9QECWDltanrhBPPspESsOLMEYcZRZEOAgl4dlBRClaPfPiflsqru946-4rOQCiRbLV1pnpsUxrn7bE2ih8HSKCLqp1qbgENho8x8AOP42ZIrGDpagHcQ4FoJU0ntRuMJ8b1JNc0ffASpIdryyIr2qddphuk2NH7sIIvtpyr7_XwbeQdNDZhL-Tf_DdZdzZyDsVNWpdlCm_E-Am2I2zv8OquOg6liVm9Hn7ZQnr2w9GQEPTs75YyVfWqg&tn=-R

  4. Maurizio ha detto:

    Due scatoloni ben confezionati senza alcuna necessità di marcare il piano, semmai distinguere l’angolo dal fronte e poco altro.

Rispondi a Stefano Nicita Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.