“L’ignobile attacco mediatico alla Soprintendenza” …

Schermata 2017-03-02 alle 09.37.20.png02rm01f100sco-kXwG-U43290452465484d5C-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443.jpg

Lo stadio e la commedia delle carte …

La Soprintendenza: tutelate le rane …

“Caro Professore,
le scrivo per denunciare l’ignobile attacco mediatico odierno alla Soprintendente che ha osato fare il suo dovere riguardo allo Stadio della AS Roma
Davvero patetico l’articolo odierno «Se anche le rane bloccano il nuovo stadio della Roma» di Sergio Rizzo sul Corriere della Sera, un articolo che dice tutto e il contrario di tutto e, soprattutto, non arriva a nessuna conclusione … Cui prodest?
Stimavo Rizzo per il coraggio mostrato scrivendo, con Gian Antonio Stella, il libro “La Casta”, per cui mi viene davvero difficile comprendere a cosa possa servire un articolo del genere in un momento in cui, lui e i suoi colleghi, dovrebbero parlare col cuore in mano a difesa della giustizia e dell’ambiente, piuttosto che ironizzare – da idioti – sulle rane!
Purtroppo l’obiettivo del giornalista è quello di affossare la Soprintendenza, un’istituzione che andrebbe tutelata a sua volta da chi, in nome degli sporchi interessi privati, sia disposto a sacrificare il nostro patrimonio … evidentemente, dopo il voltagabbana di Frongia e della Raggi, anche l’accusatore principe delle caste ha preferito passare dalla parte degli arroganti e degli scorretti!
Prendersela con la Soprintendente Margherita Eichberg, una persona integra che ha saputo avere il coraggio di andare contro l’immondo comportamento di chi l’abbia preceduta, è davvero un atto vile.
Il signor Rizzo, invece di giocare il ruolo dell’ignavo, dando una botta al cerchio ed una alla botte pur di non inimicarsi nessuno, avrebbe dovuto calcare la mano relativamente al comportamento di chi, all’interno della giunta Marino, all’interno dei ministeri ed all’interno della Soprintendenza, abbia fatto finta che tutto andasse bene, creando una situazione insostenibile della quale ora deve occuparsi la giunta in carica.
Nello squallore di questo Paese allo sfascio – dove gli interessi privati e quelli di partito sono ritenuti ben più importanti rispetto agli interessi pubblici – ci troviamo perfino davanti al paradosso di chi, dall’interno del (P)artito (D)iviso, dopo aver sostenuto ed approvato il tentativo di speculazione su Tor di Valle, ora pensi di poter fare le scarpe ai suoi nemici giurati del M5S usando l’argomento dello Stadio della AS Roma!
Al signor Rizzo, ma anche alla Eichberg, vorrei dare una dritta. Il progetto dello Stadio a Tor di Valle non è inapprovabile “solo” perché sull’area insiste l’ippodromo di Julio Lafuente, recentemente posto sotto vincolo, non lo è nemmeno perché vi possano essere volatili, rettili e anfibi particolari, nemmeno ancora perché si trova su un’area a rischio idrogeologico … non è approvabile semplicemente perché, se vi studiate la “Legge Galasso”, la struttura proposta non rispetta minimamente le distanze previste!! … Inutile dire poi che, secondo la “legge sugli Stadi”, l’istanza avrebbe dovuto essere presentata dalla squadra e non da una società che realizzerebbe uno Stadio da affittare ad un squadra!!!
Smettiamola di prenderci in giro, ricordiamo come, diversi anni or sono, il signor Parnasi abbia proposto, senza che gli venissero approvate, una serie di “palazze” che ora, dopo la messa in scena del taglio delle volumetrie, verranno ritirate fuori come risultato di pacifico accordo con l’amministrazione capitolina … con tanto di sconti sulle opere di urbanizzazione! …
Quelle “palazze” non avevano ottenuto il nulla osta della famiglia Armellini, proprietaria dei terreni confinanti, per cui ora, col sotterfugio dell’accordo sullo stadio e con l’intervento del “filantropo” Pallotta – che si accollerebbe la spesa per l’esproprio – tutto “verrà messo a posto”.
Certi giornalisti dovrebbero raccontare le verità e non denigrare le persone come la Eichberg che ha fatto il suo dovere. Se proprio vogliono dare addosso alla Soprintendenza, lo facciano con le persone che hanno preceduto l’attuale Soprintendente. Certi “giornalisti d’assalto” provino a verificare se, all’epoca della giunta che approvò il progetto, ci fu qualcuno disposto ad accettare 30 denari in cambio dell’assenso al capriccio firmato Parnasi-Unicredit-Armellini-Pallotta su un’area impossibile!”

Ettore

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

5 risposte a “L’ignobile attacco mediatico alla Soprintendenza” …

  1. Ettore Maria Mazzola ha detto:

    Grazie!

    • maurizio gabrielli ha detto:

      Certo che ci fù chi accettò 30 denari. Non Marino Marziano, non Caudo il cauto certo…figuriamoci. Ma il partito, i partiti, avevano tanto bisogno di essere sostenuti no ?

  2. maurizio gabrielli ha detto:

    Caro Ettore, ti scrivo dal fronte. Si, oltre al libro “La casta” rammento bene “Il partito del cemento” con altri autori e via discorrendo. Bisogna sforzarsi di fornire un quadro completo a coloro che influenzano la pubblica opinione attraverso “l’arte della comunicazione” e “l’uso della narrazione”. Quando essi riusciranno a raccontare bene ma bene, la catena degli eventi non serviranno più né l’una né l’altra. Una specie di Paradiso !

    • maurizio gabrielli ha detto:

      …aggiungo che il vero scontro, in questo caso come sul resto, è fra “comunicazione e narrazione” e “realtà oggettiva”, poi ognuno sceglie a quale favola credere (pagando sempre il conto all’Oste).
      Ciao.

  3. Maurizio Gabrielli ha detto:

    Ora che sono un po più rilassato mi sono ricordato di dichiarare tutta la mia approvazione al discorso dell’Arch. Mazzola. Mi permetto solo di aggiungere che non possiamo esimerci dall’esercitare la critica, sulla cui indispensabilità per il progresso umano, ci siamo già soffermati in un recente passato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...