Immagine-1.jpg

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

4 risposte a

  1. Maurizio Gabrielli ha detto:

    Dove starebbe tutto questo pericolante poi ? Ci sono andato due primavere di seguito, sindaco quel soggetto de Veltroni, c’erano ancora i cavalli al trotto ed era in occasione di alcune manifestazioni sul turismo itinerante e dei camper…che anni saranno stati, 2005/06, nei pressi, e le strutture erano in ottime condizioni dentro e fuori.

  2. Sergio 43 ha detto:

    Ci passai un bel pomeriggio con il mio futuro cognato. Due ventisettenni. Era la prima volta che andavo a Tor di Valle, principalmente per vedere l’ippodromo di Lafuente, e non ci sarei più tornato. Con il mio futuro suocero ero stato per la prima e unica volta anche a Capannelle. Non ero portato al gioco delle scommesse. Non ero un Mandrake. Non ho mai creduto alla fortuna anzi, cristianamente, ho sempre pensato che la fortuna così conquistata, se arriva poi, è un’altra forma di disgrazia, Ma la bellezza spettacolare dei cavalli, l’eleganza (allora!) degli spettatori sulle tribune, tutti forniti di binocoli, l’agitarsi più popolare con le grida appassionate in basso, il momento dell’arrivo al fotofinisch, era uno spettacolo esaltante. Io e mio cognato ci mettemmo 50.000 lire ciascuno per le giocate. Lasciai a lui la fatica di andare a scommettere mentre io fotografavo le tribune, le divertenti scale per i piani superiori sagomate come cavalli al galoppo, la kermesse intorno. Eravamo arrivati all’ultima corsa e chiesi a Tonino come stavamo. Erano rimaste 5.000 lire! “Senti, Tonino, quest’ultima giocata, tanto per vedere come si fa, la faccio io!”. Leggo l’elenco dei cavalli: i soliti astrusi nomi affibbiati agli incolpevoli puledri. Due nomi mi attraggono: “Grande” e “Buccio”. “Senti, Tonì! Io gioco Grande e Buccio. Qui ci vuole solo una bella dote di grande bucio per vincere!”. Vinco l’accoppiata! Non mi ricordo quanto vinsi ma ricordo bene che ci riprendemmo la posta. Tanto avevamo dato e tanto avevamo ripreso.
    Adesso rimaniamo in attesa di quest’altro grande buco nel terreno. Scommettiamo su quest’altra gara. Chi arriverà primo al traguardo? Il buco dello Stadio del Presidente della Roma o il buco del Mausoleo del primo Imperatore di Roma?

  3. Pingback: “Era la prima volta che andavo a Tor di Valle … principalmente per vedere l’ippodromo di Lafuente” … | Archiwatch

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...