image001 37.png

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

7 risposte a

  1. Maurizio Gabrielli ha detto:

    Sarà bene farci l’abitudine. Quella feccia è pagata per disturbare !

  2. Maurizio Gabrielli ha detto:

    Ed è del tutto evidente che non ci sono solo soggetti e giornalisti pagati due lire per scrivere e descrivere meschinità inventate. Alcuni e manco pochi, sono scemi sul serio ! Altri traggono ispirazione direttamente dalla “caccia alle streghe” degli anni ’50 negli Stati Uniti. Altri ancora, vittime delle ideologie, guardano un pozzo vuoto e credono di scorgere sul fondo un cadavere in putrefazione : è l’Ideologia.

  3. Sergio 43 ha detto:

    Anche io vorrei sfogarmi con Berdini. Lei crede, assessore, di essere, almeno lei in quanto a probità e intelligenza, in grado di portare a termine i lavori che rendano alla città Piazza Augusto Imperatore, uno dei nodi fondamentali del Tridente? Dopo la sciagurata decisione di toccare una situazione oramai stabilizzatasi nella memoria dei romani perché, venne propalato ai quattro venti senza vergogna, era fascista e perchè costava tanto lavarne i vetri (sarò tanto curioso quando uscirà fuori la cifra per lavare il “Parallelepipedo di Fuksas”!), sono passate non so quante sindacature impegnate a parlare e spendere milioni di milioni di milioni, invece di impegnare quella cifra non alta che invece appare e scompare nei bilanci comunali. Vuoi scommettere che questa piazza, questo monumento non interessa a nessuno perché non c’è abbastanza ciccia intorno all’osso? E’ scandaloso che tanto poco, su stampa locale e nazionale, si parli dello scempio di questo luogo! Mi immaginavo che ogni Sindaco avrebbe fatto a gara per inaugurare la piazza e il Mausoleo! Anche i grillini se ne disinteressano per non turbare le ranocchiette che gracidano nel pantano sottostante? Sembra una congiura bell’e buona!

  4. Maurizio Gabrielli ha detto:

    Aggiungerei, senza che alcuno se n’abbia a male, che anche il Cav. S. Berlusconi, nasce come “palazzinaro”; pare ‘n destino ao’, che il capitalismo italiano si generi principalmente dalle attività che si svolgono sul suolo (pubblico sovente), a diretto contatto co la tera ! La stessa che viene rubata e/o sottratta co la forza alle popolazioni povere dell’Africa per esempio, che poi a costo della loro poco valutata vita, attraversano er mare “nostrum” e arrivano qui, in Italia e in Europa pe esse riprese a carci ‘n culo ! Anche Ferruzzi e poi Gardini, un vero “rider”, so nati co le mani nella tera. A parte Agnelli, Olivetti e pochi altri apprezzati capitalisti moderni,” la ricchezza della Nazione” pare nascere tutta dal sacro suolo. Il medesimo di cui è stata fatta carne di porco negli ultimi 40 anni. Bisogna proprio ricomincia’ da capo.

  5. Sergio 43 ha detto:

    Hai visto, Augù? Io ogni tanto ‘nzuppavo er pane ner biscotto (è un detto illirico che vor dì ” ‘n c’è trippa pe’ gatti”, manco pe’ quelli belli grassi de le gattare che le topi pozzono dormì sogni tranquilli!) ma nun sorte fojia che ‘r Sinnaco nun vojia e qui, tra Sinnaci fasci, rossi, de vario gender, arti, bassi, de nobbili natali ché qui lo nacquero o sortiti da le cinque mijia, nun vo’ fa ‘n benedetto gnente nissuno oppure te fanno vede’ lo stravede che poi ce lassa co’ le pezze nell’asso de bastoni, come dicono l’inghilesi. Indi per cui, parlanno auricchio, poi dormì tranquillo che l’ossa tue e quelle de li li morti tua nu’ li toccherà ma manco, ma che dico “manco”?, manco ‘r sottotenente….come dichi?….sovrintendente? noo? soprintendente?…vabbè….bboni tutt’e dua. Tu, ‘mperator de Roma, hai lassato ‘na città de marmo? E qui li sinnaci der dopoguera c’hanno lassato più buci de pozzolana che li buci fatti da li Libberetor de li libberatori che doppo ‘n po’ armeno se ne so annati via. Invece questi fiji de li conzoli repubblicani, quarche vorta pure repubblichini, fanno le quadrijie: ‘na vorta giro io, na vorta giri tu, ‘n sai che meravijia! ma che vorai de più? (no! è ‘n motivetto che m’è uscito cos’, tanto pe’ cantà). Per cui indi, stattene ner buco de Ripetta che in vita sua aveva visto l’urtima dimora tua trasformasse in fortezza, monastero, giardino, orto, corea, li tori, li gatti, toscanini, frizzevangler ma mai aveva visto ‘n rudere così che manco a Parmira….no Parmina!, ché era ‘r nome de mi nonna bonanima. Comunque, Augù, vai manzo ché nun t’hanno rimasto solo ché qui è tutto ‘n bucio: quelli che c’avete lassato voi romani antichi che mò chiamamo Fori (Ah! anche voi? ma guarda ! nun ce lo sapevo…Fori!…è bello!…me piace!), ma poi nun te dico li romani d’adesso che, ‘ddio ce ne scampi e libberi, so più romani li barbari ostrogoti che, come dice Pasquino, “Quod non fecerunt Barberini, fecerunt burini”. Allora famo du’ conti: er bucio tuo de Piazza, er bucio de Calatrava (lassa perde’!, che nu’ lo conosci!), er bucio der velodromo oimpico, er bucio dell’Ala Cosenza( lo so! è ‘n’arta fissa mia! ma, sai, ce so nato e ce morirò!), le mijiara de buci stradali, li buci de la metro C. Mò stanno a discute de lo stadio e de le insule de Libbeskind. Speramo che la finischeno presto sinnò c’avremo ‘n’artra buca che quella der Coliseo (lassa perde! er Coliseo te lo sei perzo!) e’ na buchetta pe’ giocà a “zibbidi zibbidé! ‘n buca c’è!” Ha tutte quelle artre buche nell’Agro, dichi? Ha quelle so’ le buche de li costruttori romani che so’ capaci a fa’ solo buche e palazzi, mica come a li tempi vostri co’ Agrippa, Artemid…..scusa!…..Apollodoro de Damasco! Mò se chiameno Cartaggirone, Mezzaroma, (che pare ‘n presaggio ‘nvece de ‘n cognome!). Vedi come soneno mejio? più moderni?
    Moò te lasso, Augù, C’ho da fa!….. No! Nun passo pe’ Natale. Me fa troppo brutto. Quella piazza, co’ quelle sbarre, reti e atrta ferramenteria, me pare ‘n campo de concentramentoi. E poi (scusa ma é de noi romani ride’ der grottesco de le disgrazie artrui!), di fronte l’apologia tua: “Ho fatto questo! Ho fatto quest’artro! Ho vinto millanta battajie! Ho conquistato paesi e città, ecc. ecc.” e di fronte er Dente Cariato. Ma mica erano necessarie tante parole! Abbastava che lasciavi scritto: “IO SO’ IO E VOI NUN FATE ”N CAZZO!”. Lo so!, ‘n po’ ciceroniano però lo dirà pure er Marchese. No! Nun lo poi conosce! Er marchese è morto!, è morto pure lui!. Però, ‘n compenso è arivato er Grillo! Aoh, Augù! Se rivedemo l’anno novo! Tu nun te move!….Ma dai! Scherzavo! Era ‘na battuta tra ‘n’atellanna e ‘n fescenninno! Tu pensa che, pe’ ‘ste stronzate, mò te premiano pure! Virgilio te faceva piagne’! E Io cerco de fatte ride’! Augù! Quanno torno te porto a magna’ da ‘Gusto. Vedi che nun so solo io che penza a te e te se ricorda! Magra soddisfazione? Lo so! Oggi se chiedi all’assessore Berdini: “Chi è AUGUSTO?”, quello te risponnerà: ” E’ er ristorante davanti all’ARA PACIS de Richard Meier & Partners Architects, nato a Newark er 12 October 1934, manco sur ber monumento ce fosse lui, ‘st’americano che a petto a te è ‘n servaggio, che marcia con tutta la famijia e l’amichi ar seguito……Quanto sei bella Roma, quanto sei bella Roma quanno è sera…… (dissovenza)

  6. Maurizio Gabrielli ha detto:

    Hai ragione Sergio, i gatti a Roma ce so sempre stati e allo stato brado, magri, un po sofferenti e sempre affamati : l’unico vero antidoto alla proliferazione de li sorci. Ancora pochi anni fa ebbi la fortuna di vedere nel giardino della casa del Jazz, un giovane gatto rosso passare dalle mie carezze, in un baleno, ad azzannare alla giugulare e poi mangiarsene la metà superiore, una pantegana di venti centimetri che si era avventurata allo scoperto, 50 metri più avanti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...