urban-field.jpg

The Bottom-Up Urbanism Of Patrik Schumacher – Market Urbanism

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

6 risposte a

  1. Manuela Marchesi ha detto:

    …intestinale…

  2. Sergio 43 ha detto:

    Se un tuo amico dovesse venire ad abitare in questo nuovo quartiere, è sicuro che lo perderai per sempre!

  3. Sergio 43 ha detto:

    Se un tuo amico dovesse venire ad abitare in questo nuovo quartiere, è sicuro che lo perderai per sempre!
    A parte gli scherzi, a una scala molto più nevrastenica, mi sembra di ripercorrere lo iato tra le ultime lezioni di Quaroni e di Muratori.

  4. maurizio gabrielli ha detto:

    Ma nu ‘o vedi come sta combinato questo co ‘r cervello !

  5. maurizio gabrielli ha detto:

    Sono esattamente gli andamenti dei grafici della rendita fondiaria, speculativa, urbana e dei prezzi che normalmente si studiano da lungo tempo sulle città.

  6. Maurizio Gabrielli ha detto:

    Giova aggiungere che i casi più macroscopici di questa tendenza di configurazione delle maggiori città occidentali, si comincia ad osservare con la rivoluzione industriale. La capacità di organizzare, contenere e ordinare questo andamento si perde con l’aumentare della forza del capitale speculativo e il contemporaneo indebolirsi di quella dello Stato mediatore e innovatore. La composizione architettonica su larga scala è stata la prima vittima sacrificale di questo devastante processo di abrurtimento. L’assenza di quelle forze nella città rinascimentale, ad esempio, ha regalato invece all’umanità il patrimonio che oggi fatichiamo a conservare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...