EX SCALI FS MILANO … LA “PARTECIPAZIONE” … COME HAPPENING …

Schermata 2016-11-27 alle 19.42.57.png“Caro Giorgio,
ti segnalo il link http://www.scalimilano.vision/ da cui si apprende che FS in collaborazione con il Comune di Milano rilancia la definizione del riutilizzo degli ex scali ferroviari milanesi con un “road-show/happening” di tre giorni tra il 15 e il 17 dicembre prossimi in cui un gruppo di 5 team leaders (o dovremmo forse dire cheer-leaders ?) formato da Stefano Boeri, Cino Zucchi, Benedetta Tagliabue, Francine Houben e Ma Yansong, dopo aver dato benevolo ascolto alle richieste dei cittadini ,si apparteranno nei loro studi per riemergere nel marzo 2017 con una “presentazione degli scenari” che verranno poi messi in “esposizione pubblica” dal 4 al 9 aprile 2017.
Posso dire che più che “partecipazione” questa sembra l’ennesima solenne “presa per i fondelli” ?
Sergio Brennamappa2.jpg

Caro Sergio …

Il problema, evidentemente, è serio …

ma questa, altrettanto evidentemente, sembra una banda di pataccari …

Questa voce è stata pubblicata in Architettura, Archiwatch Archivio. Contrassegna il permalink.

3 risposte a EX SCALI FS MILANO … LA “PARTECIPAZIONE” … COME HAPPENING …

  1. Maurizio Gabrielli ha detto:

    A occhio, un bel lavoretto “a tenaglia”.

  2. Sergio Brenna ha detto:

    Le cronache milanesi ci informano che Stefano Boeri ha festeggiato il suo 60°
    compleanno ospitando 900 persone (tra cui il Sindaco Sala, Miuccia Prada e
    altri bei nomi del mondo milanese dello spettacolo e della comunicazione, tra
    cui persino l’abituale fustigatore della fatuità mondana milanese Gianni
    Barbacetto del Fatto Quotidiano che ne dà notizia compiaciuta sulla sua
    pagina Facebook) nei sei piani della sua casa di famiglia in via Donizetti e intrattenendoli anche
    cantando con Cino Zucchi canzoni della loro gioventù o composte per
    l’occasione.
    Ovvio che ognuno sia libero di festeggiare come meglio crede; ciò che temo è
    che anche il triduo di workshop sugli ex scali ferroviari sia gestito con lo
    stesso spirito da effimero happening mondano, mentre le questioni di sostanza
    si discutono e decidono altrove. Mi è sembrata la prova generale del loro
    prossimo workshop sugli ex scali ferroviari del 15-17 dicembre (vedi:
    http://www.scalimilano.vision/).
    Le uscite di Boeri su Fiume Verde con l’80-90% di verde al centro
    concentrando edifici altissimi (se non si abbassano gli indici edificatori)
    sui bordi a ridosso di quelli attigui e preesistenti mi fanno temere che
    andrà così e preferisco non esserne complice e rimanere libero di criticarne
    gli esiti poi. Io, che compirò i 70 anni in quei giorni, non ci andrò non
    solo perché amo ambienti meno mondani e più sobrii, ma anche perché ho
    un’idea della partecipazione che non si faccia abbacinare dal clima di
    happening mondano di una effimera co-progettazione mentre le questioni di
    sostanza vengono decise altrove in stanze riservate del potere pubblico e
    privato.

  3. Pingback: SEI PIANI DI LEGGEREZZA … SE 900 INVITATI VI SEMBRAN SOBRII … | Archiwatch

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...