… sul massimo ceramista d’architettura del ‘900 … Giuseppe Macedonio …

Schermata 2016-04-23 alle 17.28.52

“co.. co … co … color che sanno dei buoni apporti e rapporti tra architettura e arti decorative ‘900, ben hanno presente l’opera ceramica di Peppe Macedonio, scultore maiolicaro napoletano del ‘900.
Ne ho scritto abbastanza in riviste specifiche: C/A ceramica/architettura, D’A, ecc.. …; qualcosa sta in rete, come ad esempio: “Gratuità artigiana …”, un “intermezzo” del 2001 per la Press/tletter di LPP e poi per il MIC di Faenza.

E con sommo piacere quindi che, aderendo all’invito specifico del figlio Eugenio, mio amico d’epoca, giro questa sua mail odierna ove mi dà avviso della “pubblicazione dell’unica opera letteraria completa e storicamente corretta sul massimo ceramista d’architettura del ‘900, Giuseppe Macedonio, mio padre!”

Leggete e diffondete la buona novella ceramica d’architettura.
saluti e buona liberazione 2016,”
Eldorado

Segue lettera:

“Carissimo,
come anticipai nel 2011 a pochi intimi ed estimatori, ho ripreso la sbobinatura delle memorie di viva voce di mio padre Peppe Macedonio e ho finalmente realizzato un’opera sulla sua Arte e sul suo Pensiero.

La pubblicazione, composta da circa ottocento pagine di verità-vere, di prima mano, di prima voce, senza inquinamenti intellettualistici, è illustrata da più di cinquecento fotografie ed è, a mio parere di figlio, appena appena sufficiente a spiegare il pensiero filosofico di questo particolare Artista del ‘900 che alla pittura preferì la ceramica, madre di tutte le arti che si fece cenerentola per stare più vicina ai poveri e agli ultimi!

Bastevole però, questa mia pubblicazione, a dare alla Storia il suo pensiero pulito da tante incrostazioni, eliminando in tal modo i tanti cantastorie e sanguisughe che tu sai ….
La tiratura del mio libro, di soli trenta esemplari numerati e firmati, lo lasciano lontano da scopi meramente commerciali, essendo destinato esclusivamente a Biblioteche, Musei e Istituti di Cultura nel Mondo, anche se qualche esemplare l’ho riservato ai suoi estimatori (e naturalmente uno a te, thie!).

Maggiori notizie potrai apprenderle nel “blog” che ho a lui dedicato: peppemecedonio.blogspot.it, che se pur di casalinga realizzazione ed ancora in lungocorso d’opera, esprime bene il concetto che mi stava a cuore, anche attraverso qualche pagina introduttiva e alcune immagini.

Ti sarei grato se volessi divulgare quest’evento a quanti hanno questo nostro stesso interesse ceramico, avendo io perso molti contatti dopo il mio ritiro nel privato aaaaavellinese. Inoltre, non essendo solerte nella lettura delle email, accludoti a parte il numero cellulare, per comunicazioni più immediate e rapide alta velocità.
In attesa lascioti i Sensi unici dei più cordiali e salutari salutoni,”
Eugenio

Schermata 2016-04-23 alle 17.28.11L‟espressione del pensiero di Giuseppe Macedonio ceramista, riportato dalla penna di suo figlio Eugenio secondo quanto egli stesso dettò, arricchisce di comuni ricordi la pubblicazione edita nel Marzo 2016: “Il Grande libro su Giuseppe Macedonio, dagli appunti del massimo ceramista del ‟900 – Viaggio attraverso la memoria e le opere”.
Poco meno di ottocento pagine illustrate da più di quattrocentosettanta fotografie.
Un appassionante panorama di opere e racconti da lui stesso narrati che ora agiscono come “antibiotico” verso quanto di erroneo, falso o impreciso, con molta faciloneria è stato pubblicato sulla sua vita, sul suo pensiero, sulle sue opere.
Non è un catalogo, tanto meno un memoriale, ma l‟espressione stessa del suo pensiero, in cui finalmente lo studioso potrà ritrovare un percorso chiaro, reale e veritiero.
L‟opera non è in vendita, lontano da scopi commerciali, la sua efficacia non è divulgare ma dare alla storia in modo corretto il significato filosofico del suo pensiero attraverso la sua Arte.
La tiratura bibliografica di soli trenta esemplari numerati e firmati, è destinata unicamente a Biblioteche, Musei, Enti e Istituti di Cultura nel mondo, dove per sua natura e scopo, deve risiedere… soddisfacendo finalmente il desiderio di Giuseppe Macedonio e di suo figlio Eugenio, dando il corretto pensiero alla storia senza ascoltare i canta storie… come si comprenderà leggendo.
Il grande libro…può essere richiesto attraverso il circuito ‟Istituto Centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche”,non appena l‟opera sarà disponibile al pubblico, anche se già da ora una copia da prestito è disponibile presso l’autore.
Gli argomenti contenuti nella pubblicazione precedono la nascita dell‟Artista superando il primo decennio del nuovo millennio, la cui cronaca del dopo Macedonio, riportata da suo figlio Eugenio, unica memoria storica attendibile finita che fu la Moglie Giuseppina, lega al suo pensiero gli eventi accorsi in sua Memoria, completando così il contenuto filologico dell‟opera.
io stesso, come figlio, per onestà etica rendo noto che dove potevo, ai significati filosofici dettatomi e da me integralmente riportati, ho affiancato i miei ricordi, oltre ai giudizi ricavati attraverso il Codice Macedonio, strumento intellettuale inserito nella pubblicazione che risponde sui significati delle opere senza condizionamenti.
In questo modo si è ancor più certi di quanto il figlio Eugenio ha riportato, anche se in coscienza ha trascritto il suo pensiero correttamente, per donarlo alla storia.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...