VASILY … IL RE DEI CAZZARI …

ob_b08496_Vasily Klyukin official site

Questa voce è stata pubblicata in Architettura, Archiwatch Archivio. Contrassegna il permalink.

7 risposte a VASILY … IL RE DEI CAZZARI …

  1. Anna Civita ha detto:

    E ancora …”grande mitico ma vaf………………….vai”(ciao belli)!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. mariuccio ha detto:

    Premetto che non conosco l’architetto ma che differenza c’è fra questa “provocazione” e quella del grattacielo-colonna di Adolf Loos?

  3. MAURO ha detto:

    La presenza del basamento, non previsto dal dorico greco (splendida variazione sul tema, alla Vignola…).
    Tutto il resto è fuffa…..
    MAURO

  4. Andrea Di Martino ha detto:

    Oltre a tutte le considerazioni che possiamo fare sul basamento, c’è un altro motivo per affermare che la provocazione di Loos (sempre ammesso che di provocazione si tratti), non ha niente a che spartire col grattacielo “dechirichiano” in questione. Si tratta infatti di una “provocazione” (quella di Loos), che va molto al di là della mera citazione, in quanto assume un significato metaforico. Non dimentichiamoci, infatti, che il progetto loosiano doveva essere la sede di un’importante testata giornalistica, e che l’equivalente anglosassone di “rubrica” (nell’accezione giornalistica del termine), non è altro che “column” (colonna, appunto). Naturalmente, dai traduttori online risulta ” address book”, ma solo per il fatto che il dizionario elettronico (a differenza di quello cartaceo), si mette nelle condizioni più generali possibili, senza contemplare tutti i possibili casi particolari (come quello relativo al linguaggio giornalistico). Per superare tale impasse, vi basterà digitare la parola “rubrica” seguita da un qualsivoglia aggettivo; ad esempio, “rubrica sportiva”. Si tratta certamente di una metafora sottile, ma non più di quanto lo sia quel concetto di “architettura parlante” che fu dell’Illuminismo. Concetto che il “muratore” viennese doveva pur conoscere, in quanto uomo di profonda cultura. Forse è proprio questo che manca ai contemporanei. Il cibo per la mente. E pretennono de “nutrì er pianeta”… Poro Loos (travisato ancora oggi)… E poracci pure noi (che der pianeta semo parte integrante)…

  5. Pingback: CIBO PER LA MENTE … | Archiwatch

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.