TANGENZIALE RI-FATTA …

Schermata 2014-09-15 a 18.33.56TANGENZIALE RI-FATTA

Da Sergio Brenna: …

“Leggo sul Fatto Quotidiano di oggi 15.9 della proposta di ri-pittare la Tangenziale est per
renderla accettabile nel tratto più infelice in cui si addossa minacciosamente agli edifici circostanti in via Prenestina-piazzale Prenestino- largo Caballini-Pigneto: il Comune starebbe valutando positivamente la proposta.Ma che gli dice il cervello? Una porcata era negli anni ’60-’70 e una porcata resta negli anni Duemila e non c’è barba di idea artistoide o riuso para-ecologistico che possa redimerla. Capisco che abbatterla è complicato (dovendosi inevitabilmente interrompere a lavori in corso alcune delle linee tramviarie più trafficate della città) e costoso, ma almeno “nun ce state a cojonà”.
Sergio Brenna, un milanese che a Roma ha casa ai piedi della Tangenziale di piazzale Prenestino”

Questa voce è stata pubblicata in Architettura, Archiwatch Archivio. Contrassegna il permalink.

6 risposte a TANGENZIALE RI-FATTA …

  1. DD ha detto:

    Consiglio visitare link Highways to Boulevards, nel sito del Congress for the New Urbanism CNU http://www.cnu.org per vicende virtuose e non viziose legate al tema

  2. MarianoS55 ha detto:

    Mammamia Sergio Brenno quanto astio… e che sarà mai!
    Pe ‘na mano de vernice colorata nun è mai morto nessuno.
    Qualche strittartist s’è fatto venire l’idea gajarda e qualche fondazione bancaria in vena di mecenatismo a basso costo je lo finanzierà pe avé gli sgravi fiscali.
    Tanto sta tranquillo che dopo un par d’anni sarà di nuovo tutto color-grigio-smog.

  3. Sergio 43 ha detto:

    Si parva licet, questa fa il paio con la cattedrale di Saint Denis. Siccome la tangenziale era poco visibile, ai romani dirimpetto (anche a un milanese…) spariamogli negli occhi i colori del Lego!

  4. MAURO ha detto:

    Non avete centrato la questione: a “stonare” e ad inserirsi male con il contesto della tangenziale sono gli edifici attorno in via Prenestina.
    MAURO

  5. Sergio 43 ha detto:

    Se penso che quella strada che scende lì in fondo è via Montecuccoli dove, in un’Italia ancora in bianco e nero, venne girata la più memorabile scena del nostro cinema in cerca di un riscatto, la corsa disperata di una popolana! Ora, indegnamente, le si propone un’arlecchinata di colori.

  6. Pingback: STRADE DI ROMA … | Archiwatch

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...