GUNNAR ASPLUND IN ORDINE SPARSO … Post 10 …

I tre piccoli edifici “rurali” visti l’altra volta in un primo studio
e con loro i due brevi corpi di fabbrica con funzione di vani scala che
li collegano, restano anche nella versione finale anche se un’unica
copertura comprende la cellula della cucina e quella delle camere.
Il soggiorno invece si pone oltre un masso di granito e lo annette
alla composizione ruotando di sette gradi rispetto al resto della casa.
La forma trapezoidale della zona d’ingresso e del pianerottolo della
scala posteriore media tra le due angolazioni.

Esiste anche un piano seminterrato al quale si accede da una ripida
scaletta a ridosso del camino esterno e corrispondente alla proiezione
del piccolo disimpegno prima della cucina e della cameretta di
servizio. Molto curiosa l’assenza del bagno che rimanda a un uso della
casa da “campeggiatori”.

Villa Stennäs ha due portici. Quello a ovest caratterizza il fronte
principale ed è aperto sul vasto prato protetto dal vento dalla grande
roccia sulla sinistra che diventa un “interno” con quel monumentale
camino sulla prospettiva dell’ingresso carrabile. Nicholas Adams (2011)
segnala come questo portico derivi anch’esso dai tipici «sväle» (che in
svedese corrisponderebbe al nostro “fauces”) ottenuti,
nell’architettura tradizionale, prolungando le falde del tetto a
protezione dell’ingresso.


Il secondo portico è invece a nord, aperto sul bosco e interessa
tutto il fronte corto della casa mostrandone la sezione trasversale e
la struttura in legno delle capriate di copertura le cui campate sono
precisamente segnate in pianta a tratteggio e sono vero modulo
compositivo (mt. 1.10) della distribuzione.

Ma se sono da ammirare le eleganti soluzioni della rotazione del
soggiorno a sud, a nord lascia senza parole quello straordinario
cancelletto che ancora con delicatezza la fragile casa alla montagna di
granito.

Giancarlo Galassi :G

About these ads
Questa voce è stata pubblicata in Architettura. Contrassegna il permalink.

4 risposte a GUNNAR ASPLUND IN ORDINE SPARSO … Post 10 …

  1. ctonia ha detto:

    Finalmente una pianta, grazie Giancarlo!
    ciao
    c

  2. Vittorio Corvi ha detto:

    Aaaah! La pianta!!
    Altro che Kubrick, è Giancarlo il maestro della suspense…

    La questione del bagno è da indagare meglio, non è possibile che non ci sia una struttura destinata allo scopo, magari negli immediati dintorni… Giancarlo cerca bene che sono sconvolto…

  3. stefano salomoni ha detto:

    Attendevo questo post.
    Grazie

  4. Cari tutti,
    avevo iniziato in sordina e un po’ genericamente su Asplund, ma vista la mia curiosità ossessiva e malata e dati gli spazi generosi di un blog e di quello di Muratore in particolare, ripubblicherò tutto ciò che è stato pubblicato su Villa Stennäs su carta e su pixel (e che conto di aver trovato! Ma se qualcuno, a differenza di me che non ha intenzione di muoversi da Roma, ci fosse stato in quel di Stoccolma che mandi foto). Mi e Vi levo la voglia! Il problema sono solo i tempi e soprattutto i miei interessi nei frattempi.

    A volte, come sapete, mi perdo per Primavalle (anche grazie a Vittorio Corvi!! su questo a presto nuovi post)… oppure resto incantanto tra le case rurali di Pagano… (è curiosa la vita: finisco in una casa funzionalista mentre scrivo un commento al più bel libro sull’argomento) oppure mi perdo nel libro di Todorov che ho preso dopo la dritta qui trovata di Aldofree (GRAZIE!)… oppure… oppure resto a boccheggiare senza fiato, e non per la canicola, di fronte a un cancelletto di un metro che vale più di tutta la lezione sull’aggiornamento della tradizione e della classicità al moderno che ci dà Asplund…

    Comunque ci sono ancora cose da dire (ma non credo che su dove faceva la cacca Gunnar avremo una risposta definitiva – c’è un casotto piramidale fuori che mi sembra molto adatto alle supreme riflessioni di un architetto ma da qui non riesco a mettere il naso dentro – e non è detto che vorrei… )

    Alla prossima.

    :G

    E siccome in questo blog non cì sono i rimandi per argomento, vi linko i paragrafi precedenti come sempre sperando di far cosa utile:

    GUNNAR ASPLUND IN ORDINE SPARSO: VILLA STENNäS

    Post 0 – Premessa emotiva

    Post 1 – Razionalismo e principio di necessità

    Post 2 – Paesaggio ambiente architettura

    Post 3 – Fuori stagione

    Post 4 – Estate scandinava

    Post 5 – Karl-Erik Forsslund

    Post 6 – Carl & Karin Larsson

    Post 7 – Architettura tradizionale svedese

    Post 8 – Lars Israel Wahlman

    Post 9 – Dalla tradizione a Villa Stennäs

    vedi anche:

    Memorie nordiche di E. Arteniesi: dove tra i commenti ci sono alcune mie

    precisazioni che sembrano più una excusatio non petita, accusatio manifesta.

    L’insostenibile leggerezza der troncio di E. Arteniesi: con

    un filmato sulla costruzione di una casa con tecnologie tradizionali.

    Romanticismo baltico di E. Arteniesi.

    Hanno commentato e contribuito ad Asplund in ordine sparso in ordine di apparizione:
    Emanuele Arteniesi, Filippo De Dominicis, Stefano Salomoni, Eugenia Penna, Il Palazzo, Antonio C., Vittorio Corvi e Ctonia che ringrazio tutti insieme

    e uno per uno.
    A loro sono venuti in mente: Luigi Moretti, Ragnar Ostberg, Kay Fisker, San Francesco, Federico Fellini, Christian Norberg Schulz, Luciano Semerani,

    Ernesto Nathan Rogers, Giuseppe samonà, Tom Sawyer, Carl Ludwig Hengel, Lars Sonck, Elieel Sarinen, Armas Lindgren, Herman Ernst Henrik Gesellius , Axseli

    Gallen-Kallela, Elias Lonrot, Alvar Aalto…

    Bibliografia consultata finora e fonti delle immagini:

    1950 – Holmdahl Gustav e a., Gunnar Asplund Architect 1885-1940, Tidskriften Byggmästaren, Stockolm
    1957 – Kidder Smith George Everard , Sweden builds, Reinhold, New York
    1959 – Capobianco Michele, Asplund e il suo tempo, Tip. R. Licenziato, Napoli
    1969 – Hansen Hans Juergen, Architetture in legno, Vallecchi, Firenze
    1980 – Wrede Stuart, The Architecture of Erik Gunnar Asplund, Mit Press, Cambridge-London
    1992 – Wachsmann Konrad, Holzhausbau. Costruzioni in legno: tecnica e forma, Guerini e associati (1a ed.: Birkhäuser, Basilea 1930)
    2000 – Zevi Bruno, Erik Gunnar Asplund, Testo&immagine, Torino (1a ed.: Il Balcone, Milano 1949)
    2006 – Blundell Jones Peter, Gunnar Asplund, Phaidon, London
    2011 – Adams Nicholas, Gunnar Asplund, Mondadori Electa, Milano

    Siti web (alcuni):

    http://www.hhogman.se/knuttimring.htm
    http://www.europeana.eu (fonte disegni del post 7)

I commenti sono chiusi.